loading...

Calcoli in corso...

Scheda della stella Graffias; Grafias; Grassias; Acrab; Akrab; Elacrab.

Dati di Graffias; Grafias; Grassias; Acrab; Akrab; Elacrab.

Mappa celeste della stella Graffias; Grafias; Grassias; Acrab; Akrab; Elacrab.. Crediti FourmiLab / AstronomiAmo

Designazioni Graffias; Grafias; Grassias; Acrab; Akrab; Elacrab.;HR 5984;8Bet1Sco;SAO 159682;HD 144217;FK5 597
Costellazione Sco
Gruppo di appartenenza Sco OB2; Sco-Cen assoc.; probable member of Sco-Cen cluster; upper Sco region.
Posizione
Ascensione Retta J2000 16:05:26
Declinazione J2000 -19°48,333
Altezza
Azimut
Latitudine Galattica 23,6°
Longitudine Galattica 353,19°
Velocità Radiale Eliocentrica -1 km/s (dati orbitali disponibili)
Moto proprio (arcsec/anno) -0,006 AR ; -0,019 Decl
Parallasse 0,009 arcsec
Distanza 362,22 anni luce
Apparenza
Classe spettrale B1V Ca and Na lines nearly stationary. 51000 times orbital. Unresolved by speckle interferometry. Possible third SB component.
Raggio stellare From occult. by Jupiter, diam. Beta Sco A1 = 0.000422"; diam. Beta Sco A2 = 0.000264".
Velocità di rotazione 130 km/s
Magnitudine 2,62 (UBV Johnson System)
Magnitudine UB -
Magnitudine BV -
Variabilità Tipo: 7424 -
Sorgente infrarossa
Sistema stellare
  • Numero di componenti: 5 - O
  • Differenza di magnitudini: 1
  • Informazioni sul corpo celeste

    Graffias - Beta Scorpii
    Graffias - Beta Scorpii

    Graffias è la stella beta della costellazione dello Scorpione, posizionata verso la testa dell'animale. In realtà non è affatto la stella più brillante dopo Antares, ma forse Bayer ha voluto premiare con la lettera beta la posizione prominente nella parte anteriore dello scorpione.

    Posta a nord-ovest dell'asterismo dello Scorpione, in prossimità delle chele. Si tratta della stella più settentrionale tra le tre che costituiscono la fronte dell'animale (le altre due sono Dschubba e Pi Scorpii). Proprio con Antares e Dschubba, Graffias fa parte dell'asterismo noto come Grande Uncino.
    E' una stella a declinazione australe, ma i suoi -19° la rendono visibile ampiamente dall'emisfero boreale fino a 70° Nord, oltre il circolo polare artico. L'osservazione migliore si ha nel passaggio dello Scorpione al meridiano, in estate boreale, da Maggio ad agosto ma prevalentemente tra fine Maggio e metà Giugno.

    Graffias fa parte dell'Associazione stellare Scorpius-Centaurus, l'associazione OB più vicina alla Terra. Dovrebbe contare qualcosa come 1.000 stelle (almeno 550) con massa totale intorno alle 15 masse solari. Formate tra i 5 ed i 22 milioni di anni fa, le stelle più massicce dovrebbero già essere esplose come supernovae. Graffias fa parte del sottogruppo noto come Scorpione Superiore o Associazione di Antares (gli altri due sottogruppi sono nel Centauro e sono il Centauro Superiore e Inferiore.


    Il suo nome vuol dire granchio, forse perché un tempo i due animali (scorpione e granchio) venivano un po' confusi. E' tuttavia conosciuta anche con il nome Akrab, meno utilizzato.

    Trovandosi a meno di un grado dall'eclittica, Graffias può venire occultata dalla Luna e dai pianeti.
    E' una stella caldissima, che al telescopio si rivela doppia. La sua compagna ha una magnitudine di 4,9 ed è separata dalla principale di 13,7 secondi d'arco. Inoltre, la primaria è a sua volta una doppia spettroscopica, mentre a mezzo secondo d'arco c'è addirittura una quarta compagna di magnitudine 9.
    Non è finita: la secondaria ha anch'essa una compagna a 0,1 secondi d'arco non visibile al telescopio e scoperta il 13 Maggio del 1971 durante una occultazione ad opera del satellite gioviano Io.

    In pratica siamo in presenza di un sistema multiplo molto complesso, formato da almeno cinque componenti. Un piccolo telescopio riesce a separare le due componenti principali, la cui separazione di 14 arcosecondi corrisponde, alla distanza di Graffias, a circa 2.200 Unità Astronomiche (330 miliardi di chilometri). Il periodo di mutua rivoluzione delle due stelle è di almeno 16.000 anni.
    Soltanto i telescopi più potenti riescono a capire che la stella principale ha una compagna molto più debole, separata da circa mezzo secondo d'arco (pari a 80 Unità Astronomiche). La stella primaria è nota come beta Scorpii A, la compagna più vicina è beta Scorpii B mentre la terza, più lontana e più luminosa, è beta Scorpii C. Lo studio delle compagne più deboli è stato facilitato dalle occultazioni della stella da parte dei pianeti: nel 1971 beta Scorpii A è stata occultata da Giove mentre nel 1972 la componente C è stata occultata dal satellite gioviano Io.

    Beta Scorpii A
    Si tratta di una binaria spettroscopica con periodo di 6,8 giorni ma le caratteristiche delle due componenti sono state definite con precisione soltanto con l'occultazione di Giove nel 1971 e della Luna sempre negli anni Settanta. La componente principale si chiama beta Scorpii A1, è una stella di classe spettrale B0.5V con temperatura superficiale di circa 28.000 K, che dona alla stella un colore azzurro. Il raggio è di circa 6,5 volte quello del Sole, con massa superiore di circa 13 volte rispetto a quella solare. La sua luminosità dovrebbe aggirarsi intorno alle 9.000 luminosità solari. La sua età, anche in relazione all'appartenenza all'associazione OB, è di circa 5-6 milioni di anni. Il suo futuro, data la massa e l'età, dovrebbe portare ad una evoluzione come supergigante rossa nel giro di 10 milioni di anni, per poi esplodere come supernova.
    La componente secondaria è nota come beta Scorpii A2, di classe C2.5V, con temperatura superficiale di circa 24.600 K e colore blu. Il raggio dovrebbe essere quattro volte quello solare, mentre la massa dovrebbe essere 9.5 volte quella della nostra stella. La luminosità dovrebbe essere pari a 2.600 volte quella solare. Anche questa componente dovrebbe avere una età di circa 5-6 milioni di anni. I dubbi riguardano la possibile evoluzione: la massa è al limite tra un futuro da nana bianca ed un futuro da supernova.
    Le due componenti sono separate da 1,42 millarcosecondi pari a soli 30 milioni di chilometri, poco più della distanza che separa Mercurio dal Sole. L'orbita è moderatamente eccentrica, inclinata di 65° rispetto alla nostra visuale.

    Beta Scorpii C
    Meno luminosa e meno studiata rispetto a beta Scorpii A, si tratta di una stella di magnitudine 4,92 e classe spettrale B2V, con temperatura di 22.000 K e colore blu. Il 14 maggio 1971 il satellite Io ha occultato beta Scorpii C, il che ha consentito di stabilire un diametro angolare di 0,2 milliarcosecondi, pari ad un raggio di 5,5 raggi solari. Anche questa componente è una binaria: la componente minore - chiamata beta Scorpii E dovrebbe essere distante 97 milliarcosecondi e dovrebbe avere una massa simile a quella solare.

    Beta Scorpii B
    Distante dalla componente A di circa 450 milliarcosecondi e più debole di questa di circa 3,31 magnitudini, orbita intorno alla componente A ed attualmente risulta in avvicinamento. Dovrebbe avere spettro B e massa pari a circa 6 masse solari.
     

    Beta Scorpii
    Grafias 

     

    Sorge
    Culmina
    Tramonta
    Altezza
    Azimut

    Visibilità di oggi

    Visibilità nell'anno

    Come si legge questa pagina

    I riquadri in alto

    I riquadri in alto fanno riferimento alla giornata di oggi e indicano quando la stella sorge, culmina e tramonta dietro l'orizzonte.

    Il grafico a radar

    Il radar indica in quale momento della giornata, oggi, la stella può essere osservata al meglio.

    • CAM: Crepuscolo Astronomico Mattutino
    • CNM: Crepuscolo Nautico Mattutino
    • CCM: Crepuscolo Civile Mattutino
    • A: Alba
    • T: Tramonto
    • CCS: Crepuscolo Civile Serale
    • CNS: Crepuscolo Nautico Serale
    • CAM: Crepuscolo Astronomico Serale

    L'ottagono azzurro indica l'orizzonte ed è posizionato ad altezza 0 (si legge sull'asse verticale). Il giro completo va dal crepuscolo astronomico mattutino a quello serale, ripercorrendo l'intero arco delle 24 ore. L'altezza della stella è mostrata dall'area gialla. Se il giallo si trova all'interno dell'area dell'orizzonte, la stella non è ancora sorta. Il momento di migliore visibilità si verifica nel momento in cui il colore giallo esterno all'orizzonte è più ampio.
    Ad esempio, le stelle la cui declinazione è troppo bassa rispetto al luogo di osservazione non vedranno mai l'area gialla oltrepassare l'orizzonte mentre le stelle circumpolari avranno un'area gialla estesa oltre l'orizzonte per tutto l'arco della giornata.
    Più la stella sale sull'orizzonte e più l'area dell'orizzonte sarà ristretta visto che la scala graduata dovrà arrivare ad altezze sempre maggiori.

    Il grafico a linee

    Il grafico a linee indica le altezze della stella nei vari mesi dell'anno, calcolati in base al crepuscolo civile mattutino, a quello serale e a un orario notturno intermedio.

    • CCM: Crepuscolo Civile Mattutino
    • CCS: Crepuscolo Civile Serale
    • NOT: Notte

    Cliccando sulla didascalia di una serie di dati è possibile eliminarla o ripristinarla per avere la situazione più chiara. La linea verde esprime quindi l'altezza della stella in piena notte nei vari mesi dell'anno, con la coseguenza che l'oggetto sarà visibile al meglio laddove la curva raggiunge punti più alti.
    Attenzione ai gradi espressi sull'asse verticale: la stella potrebbe anche non sorgere pur presentando un punto più alto visto che la scala potrebbe presentare tutti valori negativi per le stelle che non sorgono alla nostra latitudine. Quindi occhio allo 0!

    Calcolo effemeridi

    Copyright © Associazione AstronomiAmo 2022 - Template Gentelella by Colorlib