loading...

Calcoli in corso...

Scheda della stella SPICA; Azimech; Spica Virginis; Alaraph, a name also given HR 4540, 4932.

Dati di SPICA; Azimech; Spica Virginis; Alaraph, a name also given HR 4540, 4932.

Mappa celeste della stella SPICA; Azimech; Spica Virginis; Alaraph, a name also given HR 4540, 4932.. Crediti FourmiLab / AstronomiAmo

Designazioni SPICA; Azimech; Spica Virginis; Alaraph, a name also given HR 4540, 4932.;HR 5056;67Alp Vir;SAO 157923;HD 116658;FK5 498
Costellazione Vir
Posizione
Ascensione Retta J2000 13:25:12
Declinazione J2000 -11°09,683
Altezza
Azimut
Latitudine Galattica 50,84°
Longitudine Galattica 316,11°
Velocità Radiale Eliocentrica 1 km/s (dati orbitali disponibili)
Moto proprio (arcsec/anno) -0,041 AR ; -0,028 Decl
Parallasse 0,023 arcsec
Distanza 141,74 anni luce
Apparenza
Classe spettrale B1III-IV+B2V through Zeta. vsini secondary 102k/s.
Colori Color excess E(B-V) = +0.03.
Raggio stellare Diam. = 0.00085 - 0.00087".
Velocità di rotazione 159 km/s
Magnitudine 0,98 (UBV Johnson System)
Magnitudine UB -
Magnitudine BV -
Variabilità Tipo: Alp Vir - Ell (Beta C) 0.97 - 1.04V, 4.01454d, and Beta C, 0.1737853d. Period changes.
Sorgente infrarossa
Sistema stellare
  • Numero di componenti: 5 - O
  • Differenza di magnitudini: 2
  • Informazioni sul corpo celeste

    Spica è la spiga di grano che regge la Vergine nella mano sinistra ed è la sedicesima stella del cielo in ordine di luminosità.
    Ovviamente è la stella alfa della costellazione della Vergine, la più luminosa della costellazione zodiacale.
    Posta in una zona relativamente povera di stelle brillanti, fu chiamata dagli antichi 'Simal al Azel', la 'stella indifesa' oppure la stella 'solitaria' o 'incustodita', in relazione ad Arturo che invece viene rappresentata con una lancia.
    Si tratta dell'esempio perfetto di stella a magnitudine 1, sebbene sia una variabile ad eclisse la cui magnitudine varia nell'ordine di un decimo in un periodo di quattro giorni circa. La compagna, molto debole, è stata scoperta nel 1889. La variabilità di quattro giorni è dovuta proprio alla rivoluzione della compagna, visto che i moti danno luogo a eclissi radenti che fanno variare la magnitudine di Spica in maniera quasi impercettibile. Le occultazioni lunari hanno rivelato la presenza di altre tre compagne entro 0,5 arcosecondi, con magnitudini rispettivamente pari a 3.1, 4.5 e 7.5.
    Nella sua fase di vita sta bruciando elio, quindi non appartiene più alla fase di sequenza principale.
    Nel sistema doppio che forma con la sua compagna principale, l'80% della luce proviene dalla primaria, dimensionalmente pari ad 8 Soli per un diametro assoluto di circa 15,2 milioni di chilometri ed una massa di circa 4 Soli. 
    Oltre alla variabilità che deriva dall'eclisse, la primaria ha anche una variabilità intrinseca con periodo stimato in 0,174 giorni. Al telescopio appare soltanto la primaria, una stella singola e bianca. La distanza di 17,6 milioni di chilometri è troppo piccola per essere osservata visualmente. Il periodo orbitale, come detto, si aggira intorno ai 4 giorni.
    Si tratta di una delle pochissime stelle brillanti che possono essere occultate dalla Luna, trovandosi vicinissima all'eclittica.
     

    Spica - Alpha Virgo
    La stella alfa della costellazione della Vergine: Spica

     

    Sorge
    Culmina
    Tramonta
    Altezza
    Azimut

    Visibilità di oggi

    Visibilità nell'anno

    Come si legge questa pagina

    I riquadri in alto

    I riquadri in alto fanno riferimento alla giornata di oggi e indicano quando la stella sorge, culmina e tramonta dietro l'orizzonte.

    Il grafico a radar

    Il radar indica in quale momento della giornata, oggi, la stella può essere osservata al meglio.

    • CAM: Crepuscolo Astronomico Mattutino
    • CNM: Crepuscolo Nautico Mattutino
    • CCM: Crepuscolo Civile Mattutino
    • A: Alba
    • T: Tramonto
    • CCS: Crepuscolo Civile Serale
    • CNS: Crepuscolo Nautico Serale
    • CAM: Crepuscolo Astronomico Serale

    L'ottagono azzurro indica l'orizzonte ed è posizionato ad altezza 0 (si legge sull'asse verticale). Il giro completo va dal crepuscolo astronomico mattutino a quello serale, ripercorrendo l'intero arco delle 24 ore. L'altezza della stella è mostrata dall'area gialla. Se il giallo si trova all'interno dell'area dell'orizzonte, la stella non è ancora sorta. Il momento di migliore visibilità si verifica nel momento in cui il colore giallo esterno all'orizzonte è più ampio.
    Ad esempio, le stelle la cui declinazione è troppo bassa rispetto al luogo di osservazione non vedranno mai l'area gialla oltrepassare l'orizzonte mentre le stelle circumpolari avranno un'area gialla estesa oltre l'orizzonte per tutto l'arco della giornata.
    Più la stella sale sull'orizzonte e più l'area dell'orizzonte sarà ristretta visto che la scala graduata dovrà arrivare ad altezze sempre maggiori.

    Il grafico a linee

    Il grafico a linee indica le altezze della stella nei vari mesi dell'anno, calcolati in base al crepuscolo civile mattutino, a quello serale e a un orario notturno intermedio.

    • CCM: Crepuscolo Civile Mattutino
    • CCS: Crepuscolo Civile Serale
    • NOT: Notte

    Cliccando sulla didascalia di una serie di dati è possibile eliminarla o ripristinarla per avere la situazione più chiara. La linea verde esprime quindi l'altezza della stella in piena notte nei vari mesi dell'anno, con la coseguenza che l'oggetto sarà visibile al meglio laddove la curva raggiunge punti più alti.
    Attenzione ai gradi espressi sull'asse verticale: la stella potrebbe anche non sorgere pur presentando un punto più alto visto che la scala potrebbe presentare tutti valori negativi per le stelle che non sorgono alla nostra latitudine. Quindi occhio allo 0!

    Calcolo effemeridi

    Copyright © Associazione AstronomiAmo 2021 - Template Gentelella by Colorlib