loading...

Calcoli in corso...

Scheda della stella DENEBOLA; Deneb Aleet.

Dati di DENEBOLA; Deneb Aleet.

Mappa celeste della stella DENEBOLA; Deneb Aleet.. Crediti FourmiLab / AstronomiAmo

Designazioni DENEBOLA; Deneb Aleet.;HR 4534;94Bet Leo;SAO 99809;HD 102647;FK5 444
Costellazione Leo
Posizione
Ascensione Retta J2000 11:49:04
Declinazione J2000 +14°34,317
Altezza
Azimut
Latitudine Galattica 70,81°
Longitudine Galattica 250,65°
Velocità Radiale Eliocentrica 0 km/s (velocità radiale variabile)
Moto proprio (arcsec/anno) -0,497 AR ; -0,114 Decl
Parallasse 0,082 arcsec
Distanza 39,76 anni luce
Apparenza
Classe spettrale A3V
Raggio stellare Diam. = 0.00125 - 0.00133".
Velocità di rotazione 121 km/s
Magnitudine 2,14 (UBV Johnson System)
Magnitudine UB 0,07
Magnitudine BV 0,09
Variabilità Tipo: Bet Leo - Delta Sct?, 2.09 - 2.16V.
Sorgente infrarossa
Sistema stellare
  • Numero di componenti: 4 - AD
  • Differenza di magnitudini: 6
  • Separazione (arcsec): 264
  • Informazioni sul corpo celeste

    Denebola è la stella beta della costellazione del Leone.
    Il suo nome deriva da Deneb Alased, che in arabo indica la 'coda del Leone' proprio ad indicare la posizione all'interno della costellazione. Nella carta stellare di Proctor, del 1871, la stella è indicata come Deneb Aleet, mentre nell'Uranometria di Bayer, del 1603, si parla di beta Leonis, ad indicare la seconda stella più luminosa della costellazione. Nel 1725, John Flamsteed ha indicato questa stella con il numero 94 Leo.
    Si tratta di una delle stelle più vicine a noi tra quelle più brillanti, posta a soli 36 anni luce di distanza, con luce bianca (la sua classe spettrale è A) e più luminosa del Sole di almeno 17 volte. La sua massa, rispetto a quella del Sole, è più del doppio, mentre poco meno del doppio è il diametro.
    Con una magnitudine media di 2,14, Denebola è una stella variabile del tipo Delta Scuti, con la conseguenza che la sua luminosità varia lievemente nel corso di un paio di ore.
    Si tratta di una stella relativamente giovane, con una età stimata in meno di 400 milioni di anni. Osservazioni interferometriche di questa stella forniscono un raggio pari al 173% del raggio solare, ma la grande velocità di rotazione dell'astro, superiore ai 120 km/s, gli fornisce una forma schiacciata ai poli e gonfiata all'equatore.
    Rispetto al Sole, ha una massa maggiore del 75% che fornisce una maggiore luminosità ma anche una vita di sequenza principale decisamente più corta.
    La temperatura superficiale è di circa 8500 K.
    Come accennato, la stella dovrebbe essere una variabile del tipo Delta Scuti, con fluttuazioni di luminosità di 0,025 magnitudini in misura di dieci volte al giorno.
    L'interesse per Denebola nasce soprattutto dalla consistente emissione ad infrarosso, il che potrebbe lasciar pensare all'esistenza di un disco protoplanetario proprio intorno alla stella in questione. La polvere che forma il disco ha una temperatura di 120K: finora non si è riusciti a riprendere il disco, il che implica la presenza di molto meno materiale rispetto a quello presente nel disco, ad esempio, di Beta Pictoris.
    Studi cinematici mostrano che Denebola dovrebbe far parte di una associazione stellare chiamata IC 2391, nel quale il collante gravitazionale è quasi nullo ma il moto indica l'appartenenza ad una stessa famiglia ed una passata appartenenza ad un ammasso aperto. Tra i membri di questo ammasso sarebbero presenti anche Alpha Pictoris e Beta Canis Minoris, oltre all'ammasso aperto IC 2391. In totale, il gruppo dovrebbe contare circa 60 componenti.
    Un altro interesse deriva dal fatto che sugli scritti antichi Denebola veniva ritenuta di prima magnitudine al pari di Regolo, e quindi più brillante di Algieba. Oggi Denebola ed Algieba sono quasi uguali, e nettamente meno brillanti di Regolo. Resta un mistero questa classificazione.

    Denebola
    Denebola. Credits Wikipedia.it

     

    Sorge
    Culmina
    Tramonta
    Altezza
    Azimut

    Visibilità di oggi

    Visibilità nell'anno

    Come si legge questa pagina

    I riquadri in alto

    I riquadri in alto fanno riferimento alla giornata di oggi e indicano quando la stella sorge, culmina e tramonta dietro l'orizzonte.

    Il grafico a radar

    Il radar indica in quale momento della giornata, oggi, la stella può essere osservata al meglio.

    • CAM: Crepuscolo Astronomico Mattutino
    • CNM: Crepuscolo Nautico Mattutino
    • CCM: Crepuscolo Civile Mattutino
    • A: Alba
    • T: Tramonto
    • CCS: Crepuscolo Civile Serale
    • CNS: Crepuscolo Nautico Serale
    • CAM: Crepuscolo Astronomico Serale

    L'ottagono azzurro indica l'orizzonte ed è posizionato ad altezza 0 (si legge sull'asse verticale). Il giro completo va dal crepuscolo astronomico mattutino a quello serale, ripercorrendo l'intero arco delle 24 ore. L'altezza della stella è mostrata dall'area gialla. Se il giallo si trova all'interno dell'area dell'orizzonte, la stella non è ancora sorta. Il momento di migliore visibilità si verifica nel momento in cui il colore giallo esterno all'orizzonte è più ampio.
    Ad esempio, le stelle la cui declinazione è troppo bassa rispetto al luogo di osservazione non vedranno mai l'area gialla oltrepassare l'orizzonte mentre le stelle circumpolari avranno un'area gialla estesa oltre l'orizzonte per tutto l'arco della giornata.
    Più la stella sale sull'orizzonte e più l'area dell'orizzonte sarà ristretta visto che la scala graduata dovrà arrivare ad altezze sempre maggiori.

    Il grafico a linee

    Il grafico a linee indica le altezze della stella nei vari mesi dell'anno, calcolati in base al crepuscolo civile mattutino, a quello serale e a un orario notturno intermedio.

    • CCM: Crepuscolo Civile Mattutino
    • CCS: Crepuscolo Civile Serale
    • NOT: Notte

    Cliccando sulla didascalia di una serie di dati è possibile eliminarla o ripristinarla per avere la situazione più chiara. La linea verde esprime quindi l'altezza della stella in piena notte nei vari mesi dell'anno, con la coseguenza che l'oggetto sarà visibile al meglio laddove la curva raggiunge punti più alti.
    Attenzione ai gradi espressi sull'asse verticale: la stella potrebbe anche non sorgere pur presentando un punto più alto visto che la scala potrebbe presentare tutti valori negativi per le stelle che non sorgono alla nostra latitudine. Quindi occhio allo 0!

    Calcolo effemeridi

    Copyright © Associazione AstronomiAmo 2021 - Template Gentelella by Colorlib