loading...

Calcoli in corso...

Scheda di Messier 33 (M33)

Dati di Messier 33 (M33)

Mappa celeste di Messier 33 (M33). Crediti FourmiLab / Astronomiamo.

Designazioni Messier 33 (M33);Triangulum/Pinwheel Galaxy;NGC 598
Costellazione Triangulum
Tipologia GALASSIA
Posizione
Ascensione Retta 01:34:00
Declinazione +30°39
Altezza
Azimut
Apparenza
Magnitudine 5,700
Descrizione Dreyer Size: 62. ! eB, eL, R, vgbMN, = M33, dist. 3.000.000yl
Decodifica Dreyer Dimensione: 62. '' Interessante. Estremamente brillante
  • Eccessivamente luminosa
  • R
  • molto gradualmente più brillante verso il centro (verso il) nucleo
  • = M33
  • distanza . 3.000.000yl
  • Informazioni sul corpo celeste

    La galassia M33, nota come Pinwheel Galaxy (Galassia Girandola), è stata scoperta da Hodierna nel 1654 e messa da Messier nel proprio catalogo nel 1764.

    m33-1
    Galassia M33


    Si tratta di una galassia a spirale con un piccolo nucleo e grandissimi bracci.
    E' un oggetto molto largo nel complesso, con una superficie brillante tuttavia limitata il che la rende osservabile con più difficoltà di quanto ritenuto possibile.
    Con cieli perfettamente bui è possibile vederla ad occhio nudo, rappresentando l'oggetto più distante visibile senza strumenti, mentre strumenti con 25 centimetri di apertura la rendono visibile nei bracci e nelle regioni HII. Importante è non esagerare con gli ingrandimenti proprio perché essendo un oggetto evanescente richiede il massimo della luminosità.
    Si trova nella regione più occidentale della costellazione, al confine con Andromeda e rappresenta uno dei membri più noti del Gruppo Locale, del quale è la terza più grande dopo la Galassia di Andromeda e la Via Lattea.
    Dal punto di vista osservativo può non essere una grande soddisfazione, ma dal punto di vista fotografico è veramente fotogenica, potendo spaziare dai bracci alle regioni HII al nucleo. Tra le regioni di formazione stellare dei bracci spicca NGC 604, che con un diametro di quasi 1500 anni luce rappresenta una delle più grandi nebulose ad emissione note, ben 40 volte più grande di M42 in Orione.

    Si avvicina a noi a circa 100.000 km/h

    L'immagine in alto, ottenuta da Herschel dell'ESA, mostra la galassia in luce infrarossa, mostrandone la polvere cosmica e i bracci pieni di nodi, gruppi di gas e polvere che danno vita a nuove stelle massive. Il nodo maggiore è NGC 604, visibile nel braccio in alto a sinistra.

    L'immagine in basso è invece ottenuta dal Very Large Telescope dell'ESO installato a La Silla, in Cile. 

    m33-3
    Galassia Girandola M33
    M 33 Astra
    Galassia a spirale M 33 o NGC 598 - Credit Astra Telescopi remoti

    L'immagine più dettagliata di M 33 è venuta, neanche a dirlo, da Hubble Space Telescope con una panoramica di 665 milioni di pixel estratti dalla regione centrale tramite la Advanced Camera for Surveys e suddivisi tra 54 immagini separate.

    M 33 ripresa da Hubble Space Telescope in un mosaico di immagini. Crediti NASA/ESA/HST
    Il centro di M 33 ripreso da Hubble Space Telescope in un mosaico di immagini. Crediti NASA/ESA/HST

    Distante soltanto 3 milioni di anni luce, sotto cieli molto bui spicca come l'oggetto più distante visibile a occhio nudo. In termini di dimensioni , con i suoi 60 mila anni luce, nel Gruppo Locale viene soltanto dopo la galassia di Andromeda (200 mila) e la Via Lattea (100 mila) ma in termini di stelle il distacco è più netto visto che ha molte meno stelle rispetto alle due galassie maggiorni. Contrariamente a queste galassie, M 33 manca di un bulge molto brillante e non presenta una barra a connettere i bracci di spirale. 
    La formazione stellare è simile a quella galattica, con una massa solare ogni due anni. Tra le regioni più intense di formazione stellare è NGC 604, una zona ampia 1500 anni luce di idrogeno ionizzato (HII).

    NGC 604, regione HII in M 33 ripresa da HST
    NGC 604, regione HII in M 33 ripresa da HST
    Emissione gamma intorno a M33. Credit: Xi et al., 2020.
    Emissione gamma intorno a M33.
    Credit: Xi et al., 2020.

     

    Nel 2020, astronomi cinesi della Nanjing University hanno osservato una regione di emissione gamma dalla galassia. In genere emissioni simili sono legate all'interazione tra raggi cosmici e gas interstellare, con i raggi cosmici provenienti probabilmente da regioni di formazione stellare. Le osservazioni - portate a termine tramite il FERMI della NASA, sono state portate avanti su un campione di quindici galassie luminose in infrarosso portando alla scoperta di emissioni gamma in M33 e in Arp 299. In M33 il flusso misurato è di ~1.28 perg/cm2/s nel range 0.1 − 100 GeV (Discovery of GeV gamma-ray emission from M33 and Arp 299 with Fermi-LAT).

    Sorge
    Culmina
    Tramonta
    Altezza
    Azimut

    Visibilità di oggi

    Visibilità nell'anno

    Come si legge questa pagina

    I riquadri in alto

    I riquadri in alto fanno riferimento alla giornata di oggi e indicano quando il DSO sorge, culmina e tramonta dietro l'orizzonte.

    Il grafico a radar

    Il radar indica in quale momento della giornata, oggi, il DSO può essere osservato al meglio.

    • CAM: Crepuscolo Astronomico Mattutino
    • CNM: Crepuscolo Nautico Mattutino
    • CCM: Crepuscolo Civile Mattutino
    • A: Alba
    • T: Tramonto
    • CCS: Crepuscolo Civile Serale
    • CNS: Crepuscolo Nautico Serale
    • CAM: Crepuscolo Astronomico Serale

    L'ottagono azzurro indica l'orizzonte ed è posizionato ad altezza 0 (si legge sull'asse verticale). Il giro completo va dal crepuscolo astronomico mattutino a quello serale, ripercorrendo l'intero arco delle 24 ore. L'altezza del DSO è mostrata dall'area gialla. Se il giallo si trova all'interno dell'area dell'orizzonte, il DSO non è ancora sorto. Il momento di migliore visibilità si verifica nel momento in cui il colore giallo esterno all'orizzonte è più ampio.
    Ad esempio, i DSO la cui declinazione è troppo bassa rispetto al luogo di osservazione non vedranno mai l'area gialla oltrepassare l'orizzonte mentre oggetti circumpolari avranno un'area gialla estesa oltre l'orizzonte per tutto l'arco della giornata.
    Più il DSO sale sull'orizzonte e più l'area dell'orizzonte sarà ristretta visto che la scala graduata dovrà arrivare ad altezze sempre maggiori.

    Il grafico a linee

    Il grafico a linee indica le altezze del DSO nei vari mesi dell'anno, calcolati in base al crepuscolo civile mattutino, a quello serale e a un orario notturno intermedio.

    • CCM: Crepuscolo Civile Mattutino
    • CCS: Crepuscolo Civile Serale
    • NOT: Notte

    Cliccando sulla didascalia di una serie di dati è possibile eliminarla o ripristinarla per avere la situazione più chiara. La linea verde esprime quindi l'altezza del DSO in piena notte nei vari mesi dell'anno, con la coseguenza che l'oggetto sarà visibile al meglio laddove la curva raggiunge punti più alti.
    Attenzione ai gradi espressi sull'asse verticale: la stella potrebbe anche non sorgere pur presentando un punto più alto visto che la scala potrebbe presentare tutti valori negativi per i DSO che non sorgono alla nostra latitudine. Quindi occhio allo 0!

    Calcolo effemeridi

    Copyright © Associazione AstronomiAmo 2021 - Template Gentelella by Colorlib