loading...

Calcoli in corso...

Scheda di NGC 5906

Dati di NGC 5906

Mappa celeste di NGC 5906. Crediti FourmiLab / Astronomiamo.

Designazioni NGC 5906;NGC 5907
Costellazione Draco
Tipologia GALASSIA
Posizione
Ascensione Retta 15:16:00
Declinazione +56°19
Altezza
Azimut
Apparenza
Magnitudine 10,400
Descrizione Dreyer Size: 12.3 cB, vL, vmE 155deg , vg, psb
Decodifica Dreyer Dimensione: 12.3''Considerevolmente brillante
  • Molto luminosa
  • Davvero molto estesa 155deg
  • molto gradualmente
  • drasticamente più brillante
  • Informazioni sul corpo celeste

    NGC 5907. Crediti van Dokkum et al. 2019
    NGC 5907. Crediti van Dokkum et al. 2019

    NGC 5907 è una galassia a spirale, scoperta da William Herschel nel 1788, posta a 55.4 milioni di anni luce di distanza da noi in direzione della costellazione del Drago. La sua massa stellare è di circa 80 miliardi di masse solari e una caratteristica peculiare è uno stream stellare scoperto nel 1998, un insieme di stelle che forma una sorta di uncino contro lo sfondo cosmico. Dopo dieci anni di osservazioni è stato scoperto come in realtà siano presenti due loop stellari, i quali nel totale abbracciano totalmente la galassia. 

    Gli stream stellari sono i fossili di galassie nane o ammassi globulari che un tempo orbitavano intorno a NGC 5907 e che poi sono stati distrutti marealmente. In base a questo, la loro detection è fondamentale per comprendere la storia di una galassia.

    Nel 2019 nuove osservazioni hanno evidenziato una morfologia diversa da quanto ipotizzato nel 2008. Le osservazioni del Dragonfly Telephoto Array indicano infatti un campo più ampio e maggiori dettagli, il tutto per giungere a una forma in realtà molto più semplice di quanto ipotizzato fino ad allora. Una galassia progenitrice, una coda principale e un'altra lunga e debole. Qualcosa di simile al flusso del Sagittario intorno alla Via Lattea per estensione e massa. Non è confermato, quindi, il secondo loop osservato nel 2008. Nel 2008, inoltre, il flusso principale sembrava avere una struttura più complessa e una estensione maggiore. Una possibile spiegazione risiede nelle tecniche di elaborazione delle immagini utilizzate all'epoca, visto che il processamento venne attribuito a un astronomo dilettante (Pieter van Dokkum, et al. Dragonfly imaging of the galaxy NGC5907: a revised view of the iconic stellar stream. arXiv).

    La galassia è caratterizzata da una scarsa metallicità e da una carenza di stelle giganti. Fa parte del gruppo di NGC 5866.

    Credit: ESA/Hubble & NASA, R. de Jong; Acknowledgment: Judy Schmidt (Geckzilla)
    Credit: ESA/Hubble & NASA, R. de Jong; Acknowledgment: Judy Schmidt (Geckzilla)

    L'immagine in alto è ripresa da Hubble Space Telescope e mostra la linea di stelle e polvere che rappresenta la galassia NGC 5907. Non si notano i bracci di spirale visto che dal nostro punto di vista la galassia è vista di taglio. 

    Sorge
    Culmina
    Tramonta
    Altezza
    Azimut

    Visibilità di oggi

    Visibilità nell'anno

    Come si legge questa pagina

    I riquadri in alto

    I riquadri in alto fanno riferimento alla giornata di oggi e indicano quando il DSO sorge, culmina e tramonta dietro l'orizzonte.

    Il grafico a radar

    Il radar indica in quale momento della giornata, oggi, il DSO può essere osservato al meglio.

    • CAM: Crepuscolo Astronomico Mattutino
    • CNM: Crepuscolo Nautico Mattutino
    • CCM: Crepuscolo Civile Mattutino
    • A: Alba
    • T: Tramonto
    • CCS: Crepuscolo Civile Serale
    • CNS: Crepuscolo Nautico Serale
    • CAM: Crepuscolo Astronomico Serale

    L'ottagono azzurro indica l'orizzonte ed è posizionato ad altezza 0 (si legge sull'asse verticale). Il giro completo va dal crepuscolo astronomico mattutino a quello serale, ripercorrendo l'intero arco delle 24 ore. L'altezza del DSO è mostrata dall'area gialla. Se il giallo si trova all'interno dell'area dell'orizzonte, il DSO non è ancora sorto. Il momento di migliore visibilità si verifica nel momento in cui il colore giallo esterno all'orizzonte è più ampio.
    Ad esempio, i DSO la cui declinazione è troppo bassa rispetto al luogo di osservazione non vedranno mai l'area gialla oltrepassare l'orizzonte mentre oggetti circumpolari avranno un'area gialla estesa oltre l'orizzonte per tutto l'arco della giornata.
    Più il DSO sale sull'orizzonte e più l'area dell'orizzonte sarà ristretta visto che la scala graduata dovrà arrivare ad altezze sempre maggiori.

    Il grafico a linee

    Il grafico a linee indica le altezze del DSO nei vari mesi dell'anno, calcolati in base al crepuscolo civile mattutino, a quello serale e a un orario notturno intermedio.

    • CCM: Crepuscolo Civile Mattutino
    • CCS: Crepuscolo Civile Serale
    • NOT: Notte

    Cliccando sulla didascalia di una serie di dati è possibile eliminarla o ripristinarla per avere la situazione più chiara. La linea verde esprime quindi l'altezza del DSO in piena notte nei vari mesi dell'anno, con la coseguenza che l'oggetto sarà visibile al meglio laddove la curva raggiunge punti più alti.
    Attenzione ai gradi espressi sull'asse verticale: la stella potrebbe anche non sorgere pur presentando un punto più alto visto che la scala potrebbe presentare tutti valori negativi per i DSO che non sorgono alla nostra latitudine. Quindi occhio allo 0!

    Calcolo effemeridi

    Copyright © Associazione AstronomiAmo 2021 - Template Gentelella by Colorlib