loading...

Calcoli in corso...

Scheda di Messier 45 (M45)

Dati di Messier 45 (M45)

Mappa celeste di Messier 45 (M45). Crediti FourmiLab / Astronomiamo.

Designazioni Messier 45 (M45);Pleiades, Subaru, Seven Sisters, Mel 22, Cr 42
Costellazione Taurus
Tipologia AMMASSO APERTO
Posizione
Ascensione Retta 03:47:00
Declinazione +24°07
Altezza
Azimut
Apparenza
Magnitudine 1,600
Descrizione Dreyer Size: 110''; 380yl
Decodifica Dreyer Dimensione: 110''''380yl

Informazioni sul corpo celeste

L'ammasso aperto conosciuto come numero 45 del catalogo di Messier, o più conosciuto con il nome di Pleiadi, è sicuramente l'oggetto di profondo cielo più noto dell'intero cielo boreale, famoso fin dall'antichità se è vero che le sue stelle sono citate nell'Odissea e persino nella Bibbia.
Il loro nome deriva da 'pleios', che vuol dire 'moltitudine'.
Mitologicamente, le Pleiadi sono le figlie di Atlantide che fuggirono per cinque lunghi anni dal cacciatore Orione. Zeus le tramutò in stelle, e pose vicino a loro proprio il cacciatore Orione ed i suoi cani  (Cane Maggiore e Cane Minore).
Il nome starebbe anche a significare, per alcuni, 'navigare' (da pléin) in virtù del fatto che la loro levata indicava l'inizio della stagione buona per la navigazione. Si tratta di uno degli ammassi aperti più luminosi, con un numero di stelle visibili ad occhio nudo che arriva fino ad undici in condizioni perfette, anche se più spesso è possibile vederne sei o sette ed ? per questo che sono note anche come 'Sette Sorelle'.

m45
Ammasso Aperto Pleiadi M45

Osservazione

Visibile nella stagione fredda dell'emisfero boreale, l'ammasso delle Pleiadi è facilmente rintracciabile anche dai centri urbani molto illuminati: La miglior visione si ha tramite un binocolo che non ne mortifichi la visione di insieme come invece farebbe un telescopio. La forma ricorda quella di una minuscola Orsa Minore. Intorno alle stelle dell'ammasso, i telescopi più grandi ma soprattutto le riprese fotografiche riescono a mostrare anche una nebulosità diffusa a riflessione, anch'essa quindi di colore azzurrino.
L'ammasso ha una dimensione di 120' x 100', più della Luna, e si trova a circa 410-440 anni luce da noi.

Composizione 

Il nucleo delle Pleiadi raggiunge circa 8 anni luce di raggio. In questo spazio, ed in quello adiacente gravitazionalmente influenzato (dovrebbe essere intorno ai 43 anni luce di raggio), si muovono circa 1000 stelle. Quelle maggiori, visibili, sono stelle azzurre calde e giovani. Le stelle visibili sono molto calde, blu o bianche. Tutte hanno una età di circa 100 milioni di anni, mentre le più grandi e azzurre hanno una vita residua stimata di circa 200 milioni di anni. Oltre a queste evidenti stelle, l'ammasso contiene numerose nane brune: rappresentano circa il 25% della popolazione dell'ammasso ma anche se unite non ne compongono neanche il 2% della massa. Meno spiegabili sono le nane bianche presenti, visto che il tempo cosmico dell'ammasso non dovrebbe aver consentito ancora la formazione di stelle simili. La soluzione potrebbe essere rintracciata nell'accelerazione del tempo dovuta a scambi di massa in sistemi binari.
All'interno dell'ammasso, il telescopio spaziale Spitzer ha rintracciato anche segni di formazione planetaria sottoforma di dischi protoplanetari.

L'età delle stelle componenti è stimata in un range che va da 75 a 150 milioni di anni, con una aleatorietà dovuta essenzialmente alle approssimazioni dei modelli di evoluzione stellare. A causa della bassa attrazione gravitazionale, potrebbero rimanere legate ancora per altri 250 milioni al massimo mentre il loro moto le porterà a spostarsi sotto al piede del cacciatore Orione.
Non mancano le stelle variabili tra le quali spicca Pleione. Anche Asterope è una doppia.
Le stelle visibili sono Alcyone, la più luminosa, Asterope, Celene, Electra, Maya, Merope e Taygeta. La maggiore è Alcyone, una stella doppia la cui principale è grande quanto dieci soli.
I nomi sono quelli delle sette ninfe, figlie di Atlas e Pleione (i cui nomi sono stati assegnati ad altre due stelle dell'ammasso).

Nebulosità

Le stelle dell'ammasso sono immerse nell'ammasso di gas della nebulosa NGC 1435: a lungo si è ritenuto che fosse la nebulosa dalla quale hanno avuto origine, ma oggi sappiamo che la nebulosa è soltanto sovrapposta all'ammasso in virtù della prospettiva. In un tempo di 100 milioni di anni, infatti, i modelli prevedono che la polvere si sia già quasi del tutto dileguata.
A parte la nebulosità che circonda Merope, chiamata NGC 1435, ne esistono altre: NGC 1432 per le stelle più occidentali, ciascuna delle quali è avvolta da veli più brillanti indicati con la sigla Ced.
La nebulosa che avvolge Alcyone è nota come vdB23 mentre quella di Elettra è vdB20 e quella di Maia è vdB21.a prospettiva.

Quando nubi interstellari passano troppo vicine alle stelle e al loro vento accade ciò che si nota nell'immagine che segue, con oggetto la Nebulosa di Merope (IC 349). La nube attraversa le Pleiadi a 11 chilometri al secondo, passando a 0.06 anni luce di distanza da Merope stessa. Il risultato è la distruzione della nube. La radiazione stellare opera una scissione delle particelle in base alla dimensione: la luce della stella decelera le particelle di polvere ma quelle più piccole rallentano più di quelle grandi. La nebulosa continuerà ad avvicinarsi alla stella per poche migliaia di anni ancora prima di allontanarsene, sopravvivenza ammessa. La nebulosa venne scoperta nel 1890 da E.E.Barnard con un telescopio al Lick Observatory in California. L'immagine che segue è stata ottenuta il 19 settembre 1999.

Il "fantasma" in M45. Credit: NASA/ESA and The Hubble Heritage Team (STScI/AURA), George Herbig and Theodore Simon (University of Hawaii)
Il "fantasma" in M45.  ​​​​​​Credit:
NASA/ESA and The Hubble Heritage Team (STScI/AURA), George Herbig e Theodore Simon (U. of Hawaii)

 Variabilità

Un articolo pubblicato a fine Agosto 2017 su Monthly Notices of the Royal Astronomical Society riporta i dati del telescopio spaziale Kepler analizzati da un team dello Stellar Astrophysics Centre alla Aarhus University a firma del Dr Rim White. Una nuova tecnica di analisi ha consentito di ridurre l'estrema luminosità degli astri componenti le Pleiadi al fine di uno studioi più approfondito: anziché andare a controllare la luminosità assoluta, legata a pixel saturi, è stata osservata la luminosità dei pixel più esterni, meno riempiti dalla luce delle Sette Sorelle. Oggetto dello studio è stato in particolare la variabilità delle stelle e l'astrosismologia, per rivelare passaggi di pianeti e struttura stellare. 

m45-2
Fluttuazione della luminosità della Pleiadi

Molte delle stelle sono risultate stelle di classe B lentamente pulsanti, una tipologia in cui la luminosità cambia con periodi nell'ordine del giorno. Maia è diversa:varia con un periodo regolare di 10 giorni e dal momento che era una stella indiziata di ospitare elementi chimici in concentrazioni anormali sono stati presi numerosi spettri con il SONG Telescope. La luminosità della stella varia in perfetta armonia con il variare dell'ampiezza della riga del manganese nell'atmosfera stellare, quindi la variazione è legata a una macchia sulla superficie della stella che passa ogni 10 giorni. 

Nessun segno di transito esoplanetario, invece, ma questo non vuol dire che in realtà pianeti non vi siano. 

M 45 Spitzer
L’immagine a infrarossi di Spitzer evidenzia una  rete di filamenti simile a una ragnatela, di colore giallo, verde e rosso è costituita dalla polvere associata alla nuvola attraverso cui il gruppo viaggia. La parte più densa della nuvola appare in giallo e rosso e le periferie più diffuse appaiono in tonalità verdi. Una delle stelle principali. - Credit Nasa

Come tutte le stelle, anche i giovani astri delle Pleiadi sperimentano brillamenti, anche molto potenti data la giovane età e l'intensa attività. A febbraio 2019 uno studio su Astronomy & Astrophysics riporta super-brillamenti (superiori a 1034 erg) osservati in maniera congiunta sia in banda ottica (originati dal riscaldamento della fotosfera, osservazione di Kepler Telescope) sia a raggi X (originati dal plasma negli archi coronali, osservazione di XMM-Newton) (“Simultaneous Kepler/K2 and XMM-Netwon observations of superflares in the Pleiades“, di M. G. Guarcello et al.).

Sorge
Culmina
Tramonta
Altezza
Azimut

Visibilità di oggi

Visibilità nell'anno

Come si legge questa pagina

I riquadri in alto

I riquadri in alto fanno riferimento alla giornata di oggi e indicano quando il DSO sorge, culmina e tramonta dietro l'orizzonte.

Il grafico a radar

Il radar indica in quale momento della giornata, oggi, il DSO può essere osservato al meglio.

  • CAM: Crepuscolo Astronomico Mattutino
  • CNM: Crepuscolo Nautico Mattutino
  • CCM: Crepuscolo Civile Mattutino
  • A: Alba
  • T: Tramonto
  • CCS: Crepuscolo Civile Serale
  • CNS: Crepuscolo Nautico Serale
  • CAM: Crepuscolo Astronomico Serale

L'ottagono azzurro indica l'orizzonte ed è posizionato ad altezza 0 (si legge sull'asse verticale). Il giro completo va dal crepuscolo astronomico mattutino a quello serale, ripercorrendo l'intero arco delle 24 ore. L'altezza del DSO è mostrata dall'area gialla. Se il giallo si trova all'interno dell'area dell'orizzonte, il DSO non è ancora sorto. Il momento di migliore visibilità si verifica nel momento in cui il colore giallo esterno all'orizzonte è più ampio.
Ad esempio, i DSO la cui declinazione è troppo bassa rispetto al luogo di osservazione non vedranno mai l'area gialla oltrepassare l'orizzonte mentre oggetti circumpolari avranno un'area gialla estesa oltre l'orizzonte per tutto l'arco della giornata.
Più il DSO sale sull'orizzonte e più l'area dell'orizzonte sarà ristretta visto che la scala graduata dovrà arrivare ad altezze sempre maggiori.

Il grafico a linee

Il grafico a linee indica le altezze del DSO nei vari mesi dell'anno, calcolati in base al crepuscolo civile mattutino, a quello serale e a un orario notturno intermedio.

  • CCM: Crepuscolo Civile Mattutino
  • CCS: Crepuscolo Civile Serale
  • NOT: Notte

Cliccando sulla didascalia di una serie di dati è possibile eliminarla o ripristinarla per avere la situazione più chiara. La linea verde esprime quindi l'altezza del DSO in piena notte nei vari mesi dell'anno, con la coseguenza che l'oggetto sarà visibile al meglio laddove la curva raggiunge punti più alti.
Attenzione ai gradi espressi sull'asse verticale: la stella potrebbe anche non sorgere pur presentando un punto più alto visto che la scala potrebbe presentare tutti valori negativi per i DSO che non sorgono alla nostra latitudine. Quindi occhio allo 0!

Calcolo effemeridi

Copyright © Associazione AstronomiAmo 2021 - Template Gentelella by Colorlib