Un nuovo tipo di aurora
loading

Una collaborazione tra dilettanti finlandesi e ricercatori spaziali ha consentito di scoprire una nuova forma aurorale, inizialmente chiamata "dune" dagli hobbisti


Fonte M. Palmroth et al. Citizen Scientists Discover a New Auroral Form: Dunes Provide Insight Into the Upper Atmosphere, AGU Advances (2020)


Raramente, una onda di gravità sale in atmosfera e viene filtrata tra mesopausa e uno strato di inversione. Crediti Jani Narhi
Raramente, una onda di gravità sale in atmosfera e viene filtrata tra mesopausa e uno strato di inversione. Crediti Jani Narhi

Una collaborazione tra dilettanti finlandesi e ricercatori spaziali ha consentito di scoprire una nuova forma aurorale, inizialmente chiamata "dune" dagli hobbisti. Alla base dovrebbe esserci l'emissione da ondate di atomi di ossigeno legato a un flusso di particelle solari noto come vento solare

La zona di origine si ha tra mesosfera e mesopausa e le caratteristiche, confrontate con un manuale dal titolo "A guide for aurora borealis watchers", rendevano le luci nel cielo non classificabili in base a nessuna delle categorie già note. Questo ha spingo gli hobbisti a informare gli scienziati, raccontando di onde sfumate di verde, come un velo di nuvole o dune. L'altitudine è stata misurata in appena 100 chilometri, nella parte superiore della mesosfera, con lunghezza d'onda del campo di 45 chilometri per un totale di sette eventi. Si tratta di una altezza poco esplorata che ha richiesto metodologie a metà tra ricerca atmosferica e ricerca spaziale. Il tutto ha spinto per una giustificazione che vede una maggiore densità dell'atomo di ossigeno in un fenomeno mesosferico, raro e poco studiato. Vari tipi di onde gravitazionali nascono in atmosfera e poi si innalzano e in casi rari queste onde di gravità possono essere filtrate mentre si alzano tra la mesopausa e uno strato di inversione che si forma in modo intermittente sotto la mesopausa. Questo strato fa piegare le onde filtrate e consente loro di percorrere lughe distanze senza attenuazione. Quando gli atomi di ossigeno si scontrano con gli elettroni che precipitano in atmosfera si eccitano e creano luce aurorale.