Un nuovo evento transitorio ricco di calcio
loading

Alcuni eventi si accendono nell'universo, sotto la spinta di un processo ancora ignoto, evidenziando righe di emissione del calcio insolitamente marcate. Il campione è piccolo e ogni scoperta fa brodo


Fonte S. J. Prentice, et al. The rise and fall of an extraordinary Ca-rich transient—The discovery of ATLAS19dqr/SN 2019bkc


Curve di luce multicolor di SN 2019bkc da ZTF, ATLAS, LT, GROND, e NTT. Credit: Prentice et al., 2019.
Curve di luce multicolor di SN 2019bkc da ZTF, ATLAS, LT, GROND, e NTT. Credit: Prentice et al., 2019.

I fenomeni transienti ricchi di calcio sono eventi che denotano righe di emissione del calcio insolitamente marcate per alcuni mesi. In genere questi fenomeni si rinvengono a più di 32.000 anni luce dal centro della galassia ospite e la loro origine è ancora oggi ampiamente dibattuta, con diverse possibili spiegazioni presentate negli anni.

Potrebbe trattarsi di eventi innescati dalla detonazione di gusci di elio sulla superficie di nane bianche o dalla distruzione mareale e detonazione di una nana bianca da parte di un buco nero di massa intermedia, ad esempio, e uno dei problemi principali è la debolezza del segnale e la velocità dell'evoluzione.

Al piccolo campione di eventi si aggiunge ora ATLAS19dqr/SN 2019bkc, scoperto dalla University of Dublin e decisamente isolato da qualsiasi possibile galassia. Manca, quindi, una galassia ospite. La scoperta è del Marzo 2019 e la distanza è di redshift 0.2.

La magnitudine massima raggiunta è stata -17, circa cinque giorni dopo la detonazione. Subito dopo la sorgente ha iniziato il proprio declino, rendendo l'evento uno dei più veloci mai osservato.
Lo spettro iniziale ha mostrato similitudini con una supernova Ic ma l'evoluzione nelle due settimane successive ha evidenziato le linee del calcio facendo ricadere l'evento nei transienti di questo tipo. La sorgente rimane un mistero, con una progenitrice in bilico tra una stella massiva e una nana bianca.