Nuova categoria di variabili pulsanti
loading

Stelle subnane caldissime che evolvono in gigante rossa senza poter iniziare la fusione dell'elio. Una scoperta che aggiunge un tassello in più all'evoluzione stellare.


Fonte Thomas Kupfer et al. A New Class of Large-amplitude Radial-mode Hot Subdwarf Pulsators, The Astrophysical Journal (2019)


Rappresentazione della stella pulsante
Rappresentazione della stella pulsante

Una nuova classe di stelle pulsanti viene annunciata nel 2019, caratterizzata da una pulsazione ogni cinque minuti. Molte stelle pulsano, anche il Sole lo fa, quindi per essere dichiarata "variabile pulsante" la variazione di magnitudine deve essere profonda. Una vera pulsante varia in luminosità anche del 10% in seguito a variazioni di temperatura , raggio o entrambe le cose.

Gli scienziati erano alla ricerca di stelle binarie con periodi inferiori all'ora tramite lo Zwicky Transient Facility, una survey all'osservatorio di Palomar. Quattro degli astri osservati si sono rivelati pulsanti e non binari. 

La nuova categoria è quella delle subnane pulsanti, stelle con il diametro di circa un decimo del diametro solare e una massa tra il 20 e il 50% di quella della nostra stella . Sono caldissime, fino a 90 mila Fahrenheit contro i 10 mila del nostro Sole. Si tratta di stelle per le quali non erano state mai avanzate previsioni ma che, una volta scoperte, si adattano bene al modello evolutivo stellare.

Hanno piccola massa quindi iniziano la vita come il Sole fondendo idrogeno in elio. Dopo l'esaurimento di questa fase si espandono in giganti rosse. A questo punto subentra la novità: la presenza di una compagna sottrae materia alla stella prima che si inneschi la fusione dell'elio.

La pulsazione consente di verificare le masse e i raggi e di confrontare i risultati ai modelli stellari.