Gas già pronto per la formazione stellare
loading

Osservazioni del Keck mostrano per la prima volta come gas freddo possa andare a finire nelle galassie attraverso filamenti. Un gas già pronto per formare nuove stelle.


Fonte Multi-filament gas inflows fuelling young star-forming galaxies, Nature Astronomy (2019)


Rappresentazione artistica di gas che spiraleggia verso una galassia. Crediti A. Makarenko/Keck Obs
Rappresentazione artistica di gas che spiraleggia verso una galassia. Crediti A. Makarenko/Keck Obs

Le galassie crescono in dimensione acquisendo gas dalle zone circostanti e convertendolo in stelle, ma i dettagli di questo processo non sono poi così ben definiti e così nuove osservazioni aggiungono sempre nuovi tasselli al puzzle. Il Keck Observatory ha rilevato una ben nitida prova di filamenti di gas freddo in spiraleggiamento verso galassie giovani, fornendo materia prima per nuove future stelle. 

E' la prima volta che filamenti simili sono visibili in via diretta il che spiega anche come le galassie possano formare stelle su scale molto ridotte di tempo, senza bisogno di dover riscaldare il gas. Per anni ci si è chiesti come il gas potesse trovare la propria strada verso il centro delle galassie, alternando una collisione diretta, in grado di scaldare il gas, alla presenza di filamenti freddi. Probabilmente la soluzione è, come sempre, un mix delle due procedure ma la prova dei filamenti è sempre stata ardua. 

Il Keck Observatory, con una nuova camera, ha consentito una osservazione che fuga ogni dubbio. La zona studiata è quella di una nebulosa gigante posta nei pressi di due quasar distanti, chiamati UM 287 e CSO 38. Proprio l'illuminazione dei quasar e la radiazione emessa dall'idrogeno delle nebulose (Lyman-alpha) hanno consentito di mappare la velocità del gas. Non solo rotazione del gas, come già scoperto tempo fa, ma molto di più: filamenti di gas che vanno a arricchire le galassie somministrando materiale per la nuova formazione stellare .

Il gas, in questi casi, giunge già freddo nelle galassie e può essere impiegato per formare stelle in tempi decisamente brevi.