Storia breve di un asteroide che ha colpito la Terra
loading

Scoperto il 22 giugno 2019, l'asteroide 2019 MO ha colpito il nostro pianeta sotto gli occhi di un satellite meteorologico addetto all'osservazione dei fulmini. Dimensioni fortunatamente piccole


Fonte NASA


Il flash dell'asteroide sopra il mare caraibico il 22 giugno 2019. Crediti NOAA/NASA
Il flash dell'asteroide sopra il mare caraibico il 22 giugno 2019. Crediti NOAA/NASA

Un rilevatore di fulmini a bordo di un satellite meteorologico NOAA ha captato una luce diversa dai classici fulmini, una luce osservata poi dal Center for Near Earth Object Studies del JPL della NASA per scovare come il flash sia stato prodotto da un minuscolo corpo celeste bruciato in atmosfera e scoperto appena poche ore prima.

L'asteroide , alla scoperta, è stato battezzato 2019 MO, misurava cinque metri di diametro e la sua scoperta risale alle ore 11.45 tempo locale italiano di sabato 22 giugno 2019, opera dell'Università delle Hawaii. Nel momento in cui è stato individuato si trovava a 500.000 chilometri di distanza dalla Terra e le prime quattro osservazioni sono state inviate al Minor Planet Center. E' stato subito identificato un possibile impatto ma la dimensione dell'oggetto, stimata, non ha provocato alcuna apprensione.

Il lampo osservato da GOES-16 del NOAA, satellite meteorologico, è legato proprio a questo impatto (Davide Farnocchia - JPL NASA) e la prova viene da immagini della Pan-STARRS  che ritraggono il corpo celeste e che sono state ottenute su una prima indicazione orbitale basata su sole quattro osservazioni in mezz'ora.

L'impatto è stato captato anche da sensori ultrasuoni.