La nana bruna di HD 206893 forse non è sola
loading

Un mix di astrometria e velocità radiali evidenzia una inconsistenza della nuova massa della nana bruna con le osservazioni precedenti. Forse occorre ricorrere alla presenza di una ulteriore nana


Fonte Constraining the properties of HD 206893 B. A combination of radial velocity, direct imaging, and astrometry data


variazioni di HD 206893 in un periodo di 700 giorni. Nello zoom, variazioni di breve periodo. Crediti Grandjean et al.
variazioni di HD 206893 in un periodo di 700 giorni. Nello zoom, variazioni di breve periodo.
Crediti Grandjean et al.

La stella si chiama HD 206893, è di classe spettrale F5V, si trova a 133 anni luce di distanza da noi e possiede un disco di detriti, con forti emissioni in infrarosso . La sua massa è circa il 24% maggiore di quella solare e la sua età si stima tra 200 milioni e 2.1 miliardi di anni.  

Già a dicembre 2016 venne annunciata la presenza di una probabile nana bruna nel sistema in orbita e oggi, forse, a questa viene aggiunto un altro oggetto compagno da parte di un team di astronomi, una nuova nana bruna

La nana bruna già nota, componente B, orbita intorno alla stella madre a una distanza di 11 UA , con periodo orbitale tra 21 e 33 anni, lasciando molta incertezza in termini di massa compresa tra 12 e 50 masse gioviane. Al fine di limitare questa incertezza, il team ha iniziato a ottenere più osservazioni ma proprio da queste è nata la presenza della seconda nana bruna. Combinando dati astrometrici e velocità radiali è stata ottenuta una variazione della velocità radiale molto ampia in un periodo di 1.6 anni. Se la fonte di questa oscillazione fosse la nana bruna nota, allora la sua massa dovrebbe essere compresa tra 60 e 720 masse gioviane, qualcosa di totalmente inconsistente con le misure passate. Una spiegazione consiste nella presenza, quindi, di un altro oggetto, più vicino alla stella di quanto non lo sia la nana bruna già nota. Il periodo orbitale sarebbe di 1.5 anni alla distanza di 1.4 UA dalla stella. 

Si tratta di congetture che dovranno trovare comunque una risposta in future osservazioni