Spitzer e palle gialle per capire come nascono le stelle massive
loading

Oggetti scoperti da semplici appassionati come le Yellowball possono essere un link fondamentale per comprendere cosa determina la formazione di astri molto più massivi di altri


Fonte Previous study results: C. R. Kerton et al. THE MILKY WAY PROJECT: WHAT ARE YELLOWBALLS?, The Astrophysical Journal (2015)


Immagine a infrarosso della Via Lattea con alcune zone oggetto di studio. Crediti C.Kerton, Iowa State University/NASA/Spitzer
Immagine a infrarosso della Via Lattea con alcune zone oggetto di studio. Crediti C.Kerton, Iowa State University/NASA/Spitzer

Probing Star Formation con il New Yellowball Catalog presenta uno studio su 518 regioni di formazione stellare chiamate "Yellowballs" (YB), grazie anche al contributo di semplici appassionati. 

The Milky Way Project è uno dei circa cento progetti di Zoouniverse, la piattaforma on line per la ricerca da parte degli appassionati di scienze. Nel periodo 2016-2017 gli scienziati hanno identificato più di seimila YBs, il cui nome è dovuto all'apparenza assunta nelle immagini in infrarosso di Spitzer Space Telescope. Questi oggetti forniscono una immagine temporale delle regioni di formazione stellare, abbracciando un ernome range di massa  e luminosità.

Il progetto Milky Way Project è stato lanciato senza prevedere la ricerca di YBs, aggiunta soltanto dopo le prime scoperte da parte degli appassionati. Le immagini in infrarosso utilizzano diversi colori alle diverse lunghezze d'onda che, altrimenti, sarebbero invisibili. Le molecole organiche complesse come gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (PAHs) sono mostrati in verde mentre piccole particelle di polvere sono in rosso. Laddove i due colori si sovrappongono otteniamo il giallo. YBs sono più grandi del Sistema Solare ma sono decisamente più piccoli rispetto alle distanze medie tra stelle. Ciascuno di questi oggetti può produrre migliaia di stelle. 

Il nuovo catalogo contiene la posizione e la dimensione di YB in una ampia zona galattica, comprese le regioni interne e esterne dove le stelle si creano in condizioni differenti. Sono state scelte zone ben note per poter procedere a confronti tra campioni.  Oggetti simili aiutano nella comprensione di molte domande, a partire dalla dipendenza delle proprietà stellari da parametri come temperatura e polverosità, alterati dalla nascita stellare stessa e dai venti innescati. Il segreto è osservare le zone prima dell'accensione stellare, prima che la polvere venga spazzata via. Alcuni YBs stanno producendo stelle molto massive mentre altre stanno dando vita a stelle più piccole: comprendere le differenze tra gli ambienti della nascita può quindi aiutare a capire cosa vada a determinare la massa delle stelle al momento della formazione.