Il disco di accrescimento freddo del buco nero galattico osservato da ALMA
loading

Per la prima volta il gas freddo che circonda il buco nero della Via Lattea viene osservato fino a un centesimo di anno luce di distanza dal centro. Stimata la massa del gas.


Fonte Nature - “A cool accretion disk around the Galactic Centre black hole” - Elena M. Murchikova


Il disco di gas che circonda il buco nero della Via Lattea. Crediti ALMA/NRAO/AUI
Il disco di gas che circonda il buco nero della Via Lattea. Crediti ALMA/NRAO/AUI

Le antenne di ALMA (Atacama Large Millimeter/Submillimeter Array) mostrano l'esistenza di una ciambella di gas freddo (sebbene la temperatura sia comunque di diecimila gradi) a circondare il buco nero  della Via Lattea , chiamato SgrA*.

Con una massa di quattro milioni di masse solari, SgrA* domina la zona centrale della Galassia , circondato da un disco di accrescimento fino alla distanza di pochi decimi di anni luce dall'orizzonte degli eventi . Il materiale che orbita intorno al buco nero si compone di una componente calda, che si dispone a forma sferica senza apparente rotazione e che - emettendo in raggi X - risulta di facile detection, e di materiale più freddo.

A lunghezze d'onda dei millimetri era già apparso un materiale più freddo tramite la ricombinazione dei nuclei di idrogeno con gli elettroni precedentemente strappati ma il nuovo studio ha sfruttato la potenzialità di ALMA per spingersi fino a un centesimo di anno luce dal buco nero. Ad oggi, quindi, si può dire che il gas freddo abbia una massa pari a un decimo della massa di Giove e l'effetto Doppler osservato indica un moto di rotazione .