Un Sistema Solare ricco di oggetti di altre stelle
loading

Un incontro ravvicinato con altre stelle, nei momenti della formazione stellare, potrebbe essere la causa di oggetti come 'Oumuamua i quali sarebbero, quindi, molto più comuni di quanto pensato


Fonte T O Hands et al. The fate of planetesimal discs in young open clusters: implications for 1I/'Oumuamua, the Kuiper belt, the Oort cloud and more, Monthly Notices of the Royal Astronomical Society (2019)


Rappresentazione di 'Oumuamua
Rappresentazione di 'Oumuamua

Il Sistema Solare potrebbe contenere molte comete strappate a una stella in passaggio ravvicinato circa 4.5 miliardi di anni fa, in un evento mareale che potrebbe anche essere all'origine della variazione di traiettoria che ha portato 'Oumuamua, scoperto a Ottobre 2017, in visita all'interno del nostro sistema planetario . Oggetti simili potrebbero essere molto comuni in tutta la Via Lattea .

Queste soluzioni vengono da simulazioni fatte girare da scienziati della University of Zurich, mirate proprio a capire cosa avesse potuto indurre 'Oumuamua a intraprendere questo lunghissimo viaggio. Se due stelle di un ammasso si incontrano, ciascuna con la propria cintura di planetesimi, la "fascia di Kuiper" della stella minore viene pesantemente distrutta dalla gemella di maggior massa e questo causa l'espulsione di molti planetesimi i quali possono diventare proprio come 'Oumuamua. Si tratta di fenomeni molto comuni e proprio per questo la Via Lattea potrebbe pullulare di oggetti liberi, sganciati da qualsiasi sistema planetario.

Non solo espulsioni: molti oggetti vengono spediti in orbite molto bizzarre fino a poter essere catturati da altre stelle di passaggio. Il nostro Sole si è formato 4.5 miliardi di anni fa e può aver sperimentato simili incontri e proprio per questo potrebbe essere ricco di comete provenienti dall'esterno. Il materiale proverrebbe dalla stessa nube molecolare ma le orbite potrebbero essere indicative della provenienza. Orbite particolari, quindi, potrebbero essere spiegate con simili circostanze anziché con fantomatici "planet nine" che da qualche anno vengono cercati ai bordi del Sistema Solare.