La rotazione di Venere si è allungata in un tempo molto breve
loading

La rotazione di Venere potrebbe essere divenuta lunga come la vediamo oggi in un periodo di appena 10-15 milioni di anni. Alla base di tutto gli attriti mareali.


Fonte Mattias Green - Bangor University's School of Ocean Sciences - Consequences of Tidal Dissipation in a Putative Venusian Ocean - The Astrophysical Journal Letters (2019)


Venere. Crediti Public
Venere. Crediti Public

Oggi Venere rappresenta un ambiente del tutto ostile alla vita, con temperature tanto alte da fondere il piombo, ma le prove geologiche e le simulazioni ai computer indicano come un tempo - miliardi di anni fa - il pianeta fosse molto più freddo, tanto da avere un oceano. Era un pianeta molto simile alla Terra.

Il problema di oggi non è soltanto la temperatura , né l'atmosfera estremamente corrosiva, a differenziare Venere dal nostro pianeta: Venere ruota anche molto lentamente, in un tempo di 243 giorni terrestri, ma anche in questo caso la rotazione del pianeta dovrebbe essere stata molto più rapida in passato.

Le maree agiscono come freno nella rotazione di un pianeta a causa dell'attrito tra correnti mareali e fondali marini. Sulla Terra questi fenomeni allungano la durata del giorno in misura di 20 secondi ogni milione di anni. Un nuovo studio ha quantificato questo effetto anche su Venere, mostrando come un oceano venusiano dovrebbe essere abbastanza grande da rallentare il tasso di rotazione di decine di giorni terrestri ogni milione di anni. Queste forze dovrebbero quindi aver rallentato la rotazione di Venere fino alla rotazione attuale nel giro di 10-15 milioni di anni, rendendo il pianeta non abitabile, quindi, in un periodo di tempo decisamente breve.