ALMA per il campo magnetico della regione G962
loading

I dati di Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA) hanno evidenziato il campo magnetico della regione di formazione stellare nota come G9.62+0.19. 


Fonte Daria Dall'Olio, et. al. ALMA reveals the magnetic field evolution in the high-mass star forming complex G9.62+0.19.


La regione di G9.62 osservata da ALMA. Crediti ALMA
La regione di G9.62 osservata da ALMA. Crediti ALMA

I dati di Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA) hanno evidenziato il campo magnetico della regione di formazione stellare nota come G9.62+0.19.

Le stelle di grande massa giocano un ruolo importante nell'evoluzione dell'universo ma i meccanismi fisici della loro formazione sono ancora parzialmente sconosciuti. Uno dei punti aperti riguarda l'influenza della formazione ed evoluzione delle stelle massive sui campi magnetici delle regioni circostanti. L'osservazione di G9.62+0.19 potrebbe aiutare a saperne di più: si trova a 17 mila anni luce di distanza e mostra diversi nuclei a diversi stadi evolutivi. La regione mostra una sequenza evoluzionistica ben definita.

Le antenne di ALMA sono arrivate fino alle zone più prossime ai nuclei di formazione stellare consentendo di mappare i campi magnetici analizzando l'emissione della polvere a 1 millimetro di lunghezza di onda . Lo scopo era determinare la morfologia e la forza del campo magnetico nella regione, per comprendere la relazione tra questo campo e la sequenza evolutiva dei nuclei. Sono stati identificati ventitrè nuclei protostellari e altre sub-strutture, derivando posizione, picco del flusso di densità, flusso integrato, posizione e indice spettrale: tutti fattori importanti per la comprensione del campo magnetico.

Il campo magnetico sembra seguire la direzione del filamento ed è perpendicolare alla direzione del flusso in uscita emesso da alcune protostelle come MM8a, MM7 e MM6. I nuclei che presentano polarizzazione sembrano meno frammentati di quelli che non mostrano emissione polarizzata. Alla scala di un parsec il campo magnetico mostra un ordinato pattern di polarizzazione.

La forza del campo magnetico è a livelli di circa 11 mG, mentre è stata osservata una polarizzazione lineare della linea molecolare, probabilmente emessa da metanolo o anidride carbonica.

In conclusione, il potente campo magnetico e la polarizzazione portano a pensare che il campo magnetico in esame possa giocare un ruolo importante nella formazione stellare in G9.62. Questo campo potrebbe influenzare la frammentazione e il collasso nella regione.