Una revisione al modello di formazione lunare
loading

Modificando la temperatura di Terra e Theia, il modello di formazione lunare si adatta maggiormente alla realtà dei dati ottenuti dalle rocce della missione Apollo


Fonte Karato et al. "Terrestrial magma ocean origin of the Moon" - Nature Geoscience (2019)


Modello numerico della formazione lunare
Modello numerico della formazione lunare

La Luna, secondo la teoria dominante, si sarebbe formata in seguito a una collisione tra la proto-Terra e un corpo celeste delle dimensioni di Marte, chiamato Theia. I modelli e le simulazioni, però, portano a una Luna composta principalmente di materiale del corpo impattante, in misura dell'80%, mentre l'analisi delle rocce lunari mostra come in realtà la Luna abbia una composizione molto simile a quella del nostro pianeta .

Una possibile soluzione viene inserendo nei modelli, cosa finora mai fatta, una differenza di temperatura tra i corpi oggetto di impatto: ipotizzando una "Theia" già solida in collisione con una proto-Terra ancora calda e coperta di magma, infatti, le simulazioni portano a una nuova Luna fatta per l'80% di materiale espulso dalla Terra.