Dove poter vivere intorno a un sistema binario
loading

Simulazioni mostrano come la fascia di abitabilità tenda a diventare comune e più estesa in presenza di sistemi binari con componenti ravvicinate. Ma non è così semplice.


Fonte Monthly Notices of the Royal Astronomical Society - “Enlarging habitable zones around binary stars in hostile environments” - B.A. Wootton et al.


Rappresentazione della fascia abitabile
Rappresentazione della fascia abitabile

La fascia di abitabilità è un concetto divenuto sempre più vago nel corso del tempo: si tratta della zona in cui la temperatura su un potenziale pianeta , dipendentemente dalla radiazione della stella  centrale, consente la presenza di acqua liquida superficiale non risultando quindi né troppo calda da farla evaporare né troppo fredda da farla congelare. 

L'evanescenza del concetto è legata al fatto che molto dipende anche dalla tipologia di pianeta in esame e soprattutto dal fatto che se guardassimo il Sistema Solare  dall'esterno ci risulterebbe Venere in fascia di abitabilità mentre le lune di Giove e Saturno - dove la vita è più probabile - al di fuori.

Ancora peggio se andiamo a cercare una possibile fascia di abitabilità per un sistema binario , e qui vengono in aiuto delle simulazioni ottenute a inizio 2019 e che mostrano le possibili dinamiche della zona più favorevole alla presenza di vita. Se le stelle sono abbastanza distanti l'una dall'altra, allora ciascuna di esse avrà una propria fascia di abitabilità separata da quella della stella compagna mentre se le due orbite sono prossime allora la fascia di abitabilità diventa comune al sistema e si allunga, aumentando (secondo il modello) le probabilità di presenza di vita. 

Lo stesso studio ha cercato di analizzare il passaggio di una stella nei pressi del sistema binario, mostrando come questo passaggio possa tendere a far avvicinare le stelle aumentando la possibilità di una fascia abitabile unica. Secondo le simulazioni, una tipica zona di formazione stellare con 350 sistemi binari vede la presenza di 20 sistemi abbastanza vicini da sviluppare una fascia comune, mentre per quanto riguarda il passaggio ravvicinato di stelle proprio pochi giorni fa è stato notato come questo sia possibile e anche comune.

Purtroppo non è neanche così facile poiché il passaggio di una stella determina anche variazioni dei piani orbitali dei pianeti ed effetti gravitazionali, il che rende complesso qualsiasi modello.