Da Gaia e Hubble la massa della Via Lattea
loading

Attraverso il moto di ammassi globulari vicini e distanti, la stima della massa della Via Lattea raggiunge una affidabilità finora mai ottenuta. 1.5 trilioni di masse solari.


Fonte Evidence for an Intermediate-Mass Milky Way from Gaia DR2 Halo Globular Cluster Motions Watkins, Laura L et al. - ADS


Hubble e Gaia pesano la Via Lattea
Hubble e Gaia pesano la Via Lattea. Crediti ESA/Hubble

La combinazione dei dati ottenuti dal satellite Gaia di ESA e dallo Hubble Space Telescope di NASA/ESA ha consentito di stimare la massa della Via Lattea in 1.5 trilioni di masse solari.

Si tratta di una misura fondamentale per gli astronomi ma nonostante gli sforzi storicamente effettuati una stima soddisfacente è sempre stata distante dalla portata. Le osservazioni di Hubble e Gaia sono di fatto le più precise ad oggi e pongono 1.5 trilioni di masse solari in un raggio di 129 mila anni luce dal centro della Galassia .

Stime precedenti andavano dai 500 miliardi ai 3 trilioni di masse solari, una incertezza enorme dovuta essenzialmente ai diversi metodi utilizzati per la misurazione della distribuzione di materia oscura , rappresentante da sola il 90% della massa galattica. 

La nuova misura si basa sulla velocità degli ammassi globulari: più massiva è una galassia e più i suoi ammassi risentono della spinta gravitazionale. Finora la velocità degli ammassi era stata misurata lungo la nostra linea di vista, relativamente alla Terra, ma la misurazione del moto laterale ha consentito di misurare la velocità totale e quindi la massa della galassia intera. I dati della Data Release 2 di Gaia hanno inglobato ammassi globulari fino a 65 mila anni luce di distanza mentre Hubble ha consentito di osservare oggetti fino a 130 mila anni luce dalla Terra e sebbene Hubble non sia disegnato per misurare le velocità degli oggetti, è anche vero che li osserva da decenni e il confronto delle immagini riesce a mostrare uno spostamento. 

Trentaquattro ammassi per Gaia e altri dodici per Hubble hanno portato alla stima fornita dal nuovo lavoro.