Atmosfera terrestre ad avvolgere la Luna
loading

I dati di SOHO mostrano come la geocorona possa raggiungere distanze notevoli, ben oltre la posizione della Luna


Fonte SOHO


Rappresentazione della geocorona terrestre dai dati di SOHO. Crediti NASA
Rappresentazione della geocorona terrestre dai dati di SOHO. Crediti NASA

Lo strato di gas che circonda la Terra può raggiungere una distanza pari a 50 volte il diametro del nostro pianeta , allontanandosi quindi fino a 630 mila chilometri. A dirlo è uno studio basato sui dati ESA/NASA del SOlar and Heliospheric Observatory (SOHO) e mette in evidenza come la Luna vada a finire proprio nel mezzo dell'atmosfera terrestre.

Laddove la nostra atmosfera si fonde nello spazio esterno esiste una nube di atomi di idrogeno chiamata geocorona e proprio questo idrogeno è stato tracciato dallo strumento SWAN a bordo di SOHO al fine di misurare a quale distanza questa geocorona possa portarsi. Un telescopio posizionato sulla Luna dalla missione Apollo 16, nel 1972, ottenne una evocativa immagine della geocorona intorno alla Terra, in luce ultravioletta, ma a quel tempo gli astronauti non sapevano di essere essi stessi avvolti, anche sulla Luna, dall'atmosfera terrestre. 

La geocorona ripresa dalla missione Apollo 16. Crediti NASA
La geocorona ripresa dalla missione Apollo 16. Crediti NASA

Il Sole interagisce con gli atomi di idrogeno attraverso una particolare lunghezza di onda , in spettro UV, chiamata Lyman-alpha e che può sia assorbire sia emettere. Data la tipologia di luce assorbita dall'atmosfera terrestre, questa riga può essere osservata soltanto dallo spazio, cosa che SWAN ha fatto isolandola dall'idrogeno di altra provenienza. I dati hanno mostrato come la luce solare comprima gli atomi di idrogeno della geocorona nel lato diurno, generando invece una maggior densità nel lato notturno. La regione più densa del lato diurno è ancora rarefatta, con 70 atomi per centrimetro cubico a 60.000 chilometri di altitudine, valore che scende a 0.2 a una distanza lunare. Un valore che sulla Terra definiamo "vuoto". In una situazione simile anche i viaggi verso la Luna sarebbero possibili in tutta sicurezza per gli astronauti.