Popolazione stellare multipla per un globulare di mezza età
loading

Hodge 6, nella Grande Nube di Magellano, evidenzia un inizio di popolazione stellare multipla. Si tratta del secondo globulare di questa età a evidenziare una simile caratteristica


Fonte Kathie Hollyhead et al. - arXiv - "Spectroscopic detection of multiple populations in the ∼2 Gyr old cluster Hodge 6 in the LMC"


CN e CH per i membri di Hodge 6. Crediti Hollyhead et al.
CN e CH per i membri di Hodge 6. Crediti Hollyhead et al. 

Attraverso il Very Large Telescope (VLT) di ESO gli astronomi hanno rinvenuto diverse popolazioni stellari all'interno dell'ammasso Hodge 6, il che può fornire molte indicazioni riguardanti formazione ed evoluzione degli ammassi stellari in generale. 

Le osservazioni dicono come quasi tutti gli ammassi globulari mostrino variazioni di abbondanze, da stella a stella, in termini di elementi leggeri come elio, ossigeno, azoto, carbonio e calcio, il che indica un auto-arricchimento e la presenza di diverse popolazioni stellari. 

Diverse popolazioni sono anche presenti all'interno di ammassi di età intermedia, compresa tra 2 e 8 miliardi di anni e proprio una età di 2 miliardi di anni è assegnata all'ammasso globulare  Hodge 6, posto nella Grande Nube di Magellano. 

Strumento di osservazioni è stato FORS2, spettroscopio installato sul VLT e in grado di ottenere una spettroscopia a bassa risoluzione delle stelle giganti rosse presenti nell'ammasso. In particolare sono state analizzate 15 stelle evidenziando diverse quantità di CN e CH nonché diversi rapporti C/Fe e N/Fe. Unitamente a questo, Hodge 6 non mostra una estesa presenza di stelle di Main-Sequence Turn-Offs (MSTO) il che potrebbe essere in qualche modo legato alla presenza delle due popolazioni. Potrebbe però trattarsi anche di una coincidenza vista l'assenza di una statistica significativa riguardante ammassi in questo stato di età limite.

Prima di Hodge 6, soltanto NGC 1978 ha evidenziato una età di 2 miliardi di anni e l'apparire di una popolazione stellare multipla. Stranamente anche questo ammasso si trova nella Grande Nube di Magellano.