WIMPs sfuggenti anche in Corea
loading

Il super-esperimento coreano cerca di ricalcare il DAMA/LIBRA del Gran Sasso che venti anni fa annunciò un segnale compatibile con la materia oscura, purtroppo mai confermato da nessun laboratorio


Fonte http://dx.doi.org/10.1038/s41586-018-0739-1


Il laboratorio sotto il terreno della Corea del Sud
Il laboratorio sotto il terreno della Corea del Sud

Circa venti anni fa, l'esperimento DAMA/LIBRA portato avanti al Gran Sasso iniziava a pubblicare dati in grado di evidenziare un segnale modulare indicante l'interazione con l'alone di materia oscura della Via Lattea .

Secondo il modello più accettato, il moto combinato di Terra, Sole e Via Lattea origina un vento di materia oscura per un osservatore terrestre, un vento di WIMPs (Weakly Interacting Massive Particles), particelle indicate come componenti la materia oscura sebbene tutti i tentativi di osservazione siano andati a vuoto. 
Durante un anno, i segnali dell'interazione con le WIMPs aumentano quando il pianeta percorre l'orbita in direzione opposta al vento e decrescono quando il pianeta si muove nella stessa direzione, dando vita a una fluttuazione a coseno. I dati del Gran Sasso non sono mai stati confermati da nessun altro esperimento.

E' stato costruito COSINE-100, un esperimento in Corea del Sud basato su una struttura di 700 metri che si estende sottoterra allo Yangyang Underground Laboratory, i cui primi 59.5 giorni di attività sono stati resi pubblici a Dicembre 2018. Sebbene COSINE-100 utilizzi gli stessi materiali di DAMA/LIBRA, i risultati sono totalmente diversi e scartano la possibilità di alcun segnale proveniente da WIMPs. 

Si tratta di un periodo di tempo molto breve al quale seguiranno anni di dati e solo allora si potrà avallare o bocciare definitivamente il risultato del Gran Sasso ma per adesso i segnali non sono compatibili con quanto atteso dalle WIMPs.