K2-22 e i pianeti che si disintegrano
loading

Sono rari e molto variabili: i pianeti che durante i transiti denotano la presenza di una nuvola di detriti sempre più al centro delle osservazioni


Fonte Knicole D. Colón et al. A Large Ground-based Observing Campaign of the Disintegrating Planet K2-22b, The Astronomical Journal (2018)


Rappresentazione artistica di K2-22
Rappresentazione artistica di K2-22

Alcuni pianeti osservati tramite un transito sul disco stellare hanno dato vita a una curva di luce asimmetrica indicante una disgregazione del corpo celeste in transito. L'asimmetria sarebbe quindi legata a una coda di detriti che segue il passaggio del pianeta e ad oggi sono soltanto tre i pianeti che denotano questa particolarità intorno a stelle di sequenza principale e uno tra questi è K2-22b.

Si tratta di eventi rari e per questo i pochi casi noti vengono studiati in profondità, allo scopo di comprendere formazione ed evoluzione dei grani dei detriti. 

Sono 45 le osservazioni centrate su K2-22, il cui pianeta "b" ha le dimensioni di Nettuno e compie una orbita in appena nove ore. Non presenta una sola coda ma anche una traccia di detriti a precedere il moto del pianeta. I transiti sono stati confermati come variabili a testimonianza della rapida evoluzione del fenomeno, variabilità che viene riscontrata peraltro anche negli altri pianeti in disgregazione.