La pioggia che porta estate al nord di Titano
loading

Le nubi previste dai modelli climatici della luna di Saturno trovano conferma nella pioggia osservata dalla sonda Cassini in immagini del 2016.


Fonte Rajani D. Dhingra et al, Observational evidence for summer rainfall at Titan's north pole, Geophysical Research Letters (2019)


I segni della stagionalità su Titano. Crediti NASA/Cassini
I segni della stagionalità su Titano. Crediti NASA/Cassini

Pioggia al polo nord di Titano è quanto appare in una immagine della sonda Cassini, una pioggia che segna l'inizio dell'estate nell'emisfero nord della luna di Saturno.

A lungo erano state cercate nubi al polo nord ma la ricerca era sempre stata vana fino a che un team di astronomi ha rinvenuto una struttura riflettente nei pressi della zona in una immagine scattata dalla sonda Cassini il 7 giugno 2016 tramite il Visual and Infrared Mapping Spectrometer (VIMS). La struttura abbraccia circa 46.332 miglia quadrate, circa la metà dei Grandi Laghi, e non era apparsa nelle precedenti immagini ottenute dalla sonda. Le analisi hanno evidenziato come, probabilmente, potrebbe trattarsi della luce solare riflessa su una superficie bagnata, probabilmente metano precipitato come pioggia seguita da un probabile periodo di evaporazione.

Il box arancione mostra il "marciapiede" mentre il box azzurro mostra un ingrandimento del polo nord. Le frecce azzurre indicano le nubi mentre quelle rosse indicano la riflessione operata dal lago Xolotlan Lacus. Le frecce rosa segnano la regione "bagnata". Il punto nero indica il polo nord di Titano. Le frecce celesti segnano i confini del Kraken Mare. 

Una stagione su Titano dura circa sette anni terrestri e questa riflettività rappresenta la prima osservazione della pioggia estiva nell'emisfero nord. Quando Cassini arrivò su Titano era estate nell'emisfero sud e osservò nubi e piogge nell'emisfero inferiore. I modelli climatici di Titano prevedono simili condizioni meteo ma finora le nubi non erano mai state osservate. 

 

Ulteriori analisi hanno rivelato una superficie rugosa evidenziata dal pattern del liquido.