WINE, un rover infinito che si procura vapore
loading

Presentato il prototipo di WINE, un nuovo concetto di veicolo spaziale in grado di estrarre acqua dai corpi celesti e trasformarla in propellente


Fonte American Astronomical Society 2019


Concezione artistica di WINE
DidascaliaConcezione artistica di WINE

"World Is Not Enough" (WINE) è il nome di un prototipo di sonda in grado di estrarre acqua dai corpi celesti come gli asteroidi e trasformarla in vapore da usare come propellente alla volta di un altro corpo celeste
Il prototipo viene da aziende spaziali private come la Honeybee Robotics di Pasadena e dalla University of Central Florida
L'Università ha fornito il materiale asteroidale simulato mentre alle aziende è spettato il compito di elaborare modelli e simulazioni necessarie alle operazioni. 
WINE è riuscito a trivellare il suolo, prenderne il propellente e lanciarsi, in un balzo tecnologico che potrebbe portare sulla Luna, Cerere, Europa, Titano, Plutone, sui poli di Mercurio, asteroidi e tanto altro, ovunque ci sia acqua e bassa gravità. 
Le dimensioni di WINE sono quelle di un forno a microonde, un rover che difficilmente può rimanere a corto di propellente e che come tale può esplorare all'infinito, teoricamente. Utilizza pannelli solari mobili per avere abbastanza energia da riuscire a scavare e estrarre vapore ma potrebbe anche utilizzare piccole unità a decadimento radioattivo per estendere le possibilità di arrivare in luoghi in cui il Sole non riscalda abbastanza. 
Tre anni sono stati impiegati per passare dall'idea alla realtà, sviluppando nuove equazioni e un nuovo metodo per modellizzare la propulsione a vapore. Uno sviluppo che potrebbe avere un profondo impatto nell'esplorazione spaziale futura visto che oggi le missioni terminano sempre per esaurimento di propellente. 
Il progetto è parte del programma NASA Small Business Technology Transfer, disegnato per incoraggiare le università a creare alleanze con le aziende iniettando nel sistema innovazione e idee.