Dettagli simulati di una kilonova
loading

Alla University of Alberta elaborata una simulazione in tre dimensioni in grado di seguire con estremo dettaglio la fase di aftermath di una collisione tra stelle di neutroni


Fonte Rodrigo Fernández et al. Long-term GRMHD simulations of neutron star merger accretion discs: implications for electromagnetic counterparts, Monthly Notices of the Royal Astronomical Society (2018)


In rosso il disco di accrescimento, in nero il buco nero, in azzurro i getti in uscita.
In rosso il disco di accrescimento, al centro il buco nero, in azzurro i getti in uscita. 

Cosa potrebbe accadere dopo una collisione tra due stelle di neutroni è stato rivelato da una simulazione tridimensionale creata dalla University of Alberta

La collisione crea elementi pesanti come oro e piombo ma l'evento che ha segnato l'inizio dell'astronomia multimessenger ha evidenziato per la prima volta anche una emissione gamma, segnale che ha aperto un pozzo inesauribile di nuove ricerche finalizzate, tra le altre, a calcolare la massa delle stelle di neutroni e a confermare quanto velocemente l'universo si stia espandendo.

La collisione di due stelle di neutroni è chiamata kilonova e finora le simulazioni non erano tanto sofisticate da tener conto del destino del materiale espulso dall'esplosione. Il nuovo modello, invece, mostra ad esempio come il disco di accrescimento riesca a espellere il doppio del materiale a una velocità molto più alta rispetto a quanto non abbiano detto finora i modelli bidimensionali. 

Il modello non riesce a riconciliare tutte le discrepanze osservate con la realtà ma porta le cose nettamente più vicine tra di loro, fornendo una comprensione migliore riguardo la creazione degli elementi e la loro espulsione nello spazio. Il modello dell'aftermath della collisione ha consentito anche di tener conto di un'altra modalità di espulsione di materiale, e cioè quella che avviene tramite i getti di particelle, probabile sorgente del burst gamma

Creare il modello è stato tutt'altro che semplice: la collisione si verifica in millisecondi mentre il disco di accrescimento può essre presente per alcuni secondi. La sua formazione coinvolge una fisica estremamente complessa e la concomitanza di molti processi in un unico istante. 
Tra i tanti processi, il principale sembra quello del campo magnetico che agisce sulla materia e proprio per questo si rende necessaria una simulazione in tre dimensioni.