La sonda cinese tocca la Luna nascosta
loading

Il sito web dell'agenzia spaziale cinese riporta la notizia dell'avvenuto allunaggio della Chang'e-4. La prima volta che una sonda si posa sul lato distante lunare.


Fonte PHYS


Il lancio della Chang'e-4
Il lancio della Chang'e-4

La sonda Chang'e-4 ha toccato il suolo lunare nella regione mai rivolta verso Terra, la così detta "dark side", risultando quindi la prima sonda a compiere questa impresa. Chang'e-4 ha inviato una immagine del lato oscuro lunare al satellite di comunicazione con la Terra Quaqiao, il quale provvederà a girare lo scatto al centro di controllo cinese. 

La notizie proviene dal sito web dell'agenzia cinese ed è un preludio al ritorno di umani, cinesi stavolta, sul suolo lunare dopo il 2022, dopo che una nave con umani a bordo tornerà a solcare i cieli lunari. Chang'e-4  fa seguito a Yutu, quindi, tra i lander cinesi inviati sul nostro satellite. 

Contrariamente a quanto offre il lato vicino della Luna, quello nascosto è ricco di asperità a rendere più complesso il touchdown. A bordo ci sono sei esperimenti cinesi e quattro esteri, compresi studi a bassa frequenza avvantaggiati dalla mancanza di interferenze terrestri sul lato lontano. Seguiranno test su mineralogia e radiazioni. 

La prima immagine del lato nascosto della Luna si deve all'Unione Sovietica nel 1959 ma nessun lander aveva mai poggiato cingolo su quella faccia lunare. 

Altro compito arduo sarà resistere alle escursioni termiche lunari immagazzinando energia a sufficienza da sopravvivere alla lunga e fredda notte lunare. 

E' già programmato il Chang'e-5, con lancio a fine 2019, finalizzato a collezionare campioni rocciosi da far tornare a Terra.