Una nuova ULXP a sei milioni di anni luce di distanza
loading

Si chiama NGC 300 ULX1 e la sua velocità di rotazione è in rapido declino. La scoperta grazie ai dati di XMM-Newton e NuSTAR.


Fonte Chandreyee Maitra et al. NGC 300 ULX1: A new ULX pulsar in NGC 300


NGC 300 ULX1 osservata da XMM-Newton. Crediti XMM-Newton/ESA
NGC 300 ULX1 osservata da XMM-Newton. Crediti XMM-Newton/ESA

All'interno della galassia NGC 300 i dati di XMM-Newton e di NuSTAR hanno rivelato la presenza di una nuova pulsar ultra-luminosa. Le Ultra-luminous X-ray sources (ULXs) sono sorgenti di raggi X in grado di emettere più radiazione di quanta non possa esserne emessa da un milione di Soli a tutte le frequenze. Sono meno luminosi rispetto agli AGN ma ben più luminosi rispetto a singole stelle, quindi. La nuova pulsar è chiamata NGC 300 ULX1.

Si è sempre pensato che oggetti di questo tipo fossero associati soltanto a buchi neri ma le osservazioni hanno mostrato come alcuni ULX evidenzino pulsazioni coerenti. Si tratta di ULXPs (ultra luminous X-ray pulsar) e sono stelle di neutroni in rapida rotazione . Ad oggi se ne contano molto poche e ogni nuovo oggetto è essenziale per la comprensione del fenomeno. 

NGC 300 ULX1 si trova a sei milioni di anni luce di distanza dalla Terra, è stata scoperta nel 2010 ma classificata inizialmente come supernova prima di passare per un possibile sistema binario di grande massa .

I dati ottenuti a Dicembre 2016 tramite X-ray Multi-Mirron Newton (XMM-Newton) e Nuclear Spectroscopic Telescope Array (NuSTAR) hanno consentito di svelare la pulsazione. La pulsar ha mostrato un periodo di spin pari a 31.71 secondi variato poi a 31.54 a fine campagna osservativa.

Sono stati ricercati dati in archivio di Swift della NASA e del Neutron star Interior Composition Explorer (NICER) a bordo della International Space Station (ISS), dati che hanno evidenziato un rallentamento esponenziale nella velocità di rotazione da 45 a 17.5 secondi in un periodo di 2.3 anni. 

Potrebbe essere una grande opportunità per studiare l'evoluzione dello spin di stelle di neutroni in rapido accrescimento.