I Bip di Insight per l'atterraggio
loading

Un sistema di suoni emessi in broadcast dal lander per segnalare a Terra le varie fasi della discesa e dell'arrivo sul suolo marziano


Fonte NASA


Rappresentazione dei segnali da InSight. Crediti NASA
Rappresentazione dei segnali da InSight. Crediti NASA

Per accorgersi del momento in cui una sonda tocca il suolo di Marte basta veder festeggiare gli scienziati al Jet Propulsion Laboratory, ma i minuti che precedono l'atterraggio necessitano di altri segnali di avviso e così in vista dell'atterraggio del 26 novembre è prevista la ricezione di un suono. 
Quando InSight scenderà nell'atmosfera marziana manderà in broadcast un semplice segnale radio verso la Terra e in base a come questo semplice tono verrà ricevuto dal Green Bank Observatory e dal Max Planck Institute for Radio Astronomy sarà possibile determinare le fasi dell'atterraggio distinguendo tra entry, descend e landing (EDL).

Ad esempio, quando si apre il paracaduto il segnale risente della variazione di velocità dovuta all'effetto Doppler fornendo informazioni sullo stato dell'operazione. I segnali vengono girati verso Terra da due piccoli satelliti di tipo CubeSats chiamati Mars Cube One (MarCO): si tratta di satelliti sperimentali ma se funzioneranno riusciranno a girare verso Terra tutta la EDL. 
All'atterraggio, InSight invierà un segnale apposito che verrà ripetuto sette minuti dopo tramite l'antenna X-band dopo averla orientata verso Terra, fornendo un segnale quindi più potente e chiaro. Questo secondo segnale sarà la prova che InSight funzionerà. 
La ripetizione delle informazioni verrà riprodotta verso Terra anche dal Mars Reconnaissance Orbiter e dal Mars Odissey.