Emissione gamma da un sistema molto pesante
loading

I telescopi Magic e Veritas rivelano la natura di una sorgente che da più di un decennio intrigava gli astronomi: un sistema binario in grado di emettere in banda gamma


Fonte The Astrophysical Journal Letters - 2018 - “Periastron Observations of TeV Gamma-Ray Emission from a Binary System with a 50-year Period“ - VERITAS Collaboration e MAGIC Collaboration


Rappresentazione del sistema binario con una stella massiva e una stella di neutroni. Crediti The Astrophysical Journal
Rappresentazione del sistema binario con una stella massiva e una stella di neutroni. Crediti The Astrophysical Journal

Attraverso il fuoco incrociato dei telescopi Magic a La Palma e Veritas in Arizona è stato possibile caratterizzare la natura dell'oggetto noto come PSR J2032+412, scoprendolo come sistema binario composto da una stella di neutroni altamente magnetizzata e da una stella compagna molto massiva.

Le osservazioni hanno mostrato una emissione di raggi gamma , qualcosa di molto raro alla cui base deve esserci per forza un resto stellare unito a una stella molto massiva ma per trovare e caratterizzare quest'ultima, chiamata MT91 213, sono occorsi ben tredici anni. 

Il primo segnale è datato 2002 ma soltanto nel 2008 il satellite Fermi ha individuato la pulsar altamente magnetizzata. Nel 2015 è stata scoperta la compagna, il che ha portato a una stima della rivoluzione in circa cinquanta anni e a una previsione del periastro a fine 2017. 

Vista la previsione dell'incontro e dell'emissione gamma si è proceduto ad allertare i telescopi dedicati fin dal 2016, anno che ha portato alla detection di un segnale gamma molto debole probabilmente alimentato da un resto di supernova energizzato dalla stella di neutroni. 

L'emissione gamma ha iniziato ad accendersi a settembre 2017, prima raddoppiando l'intensità e poi portandola a dieci volte il livello normale durante la notte dell'avvicinamento massimo tra i due astri.