La magnetosfera di una nana bianca e i metalli ionizzati
loading

Risolto il mistero legato ai potenti venti ionizzanti di alcune nane bianche: una ciambella di gas ultracaldo dovuto alla magnetosfera del relitto stellare


Fonte Nicole Reindl et al. - Unravelling the baffling mystery of the ultrahot wind phenomenon in white dwarfs - Monthly Notices of the Royal Astronomical Society: Letters (2018).


La nana bianca osservata. Crediti MNRAS
La nana bianca osservata. Crediti MNRAS

Uno dei puzzle più complessi intorno alle nane bianche riguarda la magnetosfera e la presenza di un vento ultracaldo in grado di determinare la ionizzazione di metalli. Infatti, alcune stelle di questa tipologia, resti di stelle di piccola e media massa, hanno mostrato la presenza di metalli altamente ionizzati, un dato che richiede temperature intorno al milione di gradi centigradi e quindi una temperatura decisamente più elevata di quella della superficie di una nana bianca .

Attraverso il Calar Alto Telescope in Spagna è stata scoperta una nana bianca in direzione del Triangolo, battezzata GALEXJ014636.8+323615, alla distanza di 1200 anni luce da noi. Dalla luce della nana sono stati estratti i segni spettrali di metalli altamente ionizzati con variazione periodica di sei ore pari al tempo di rotazione del relitto stellare. 

La conlusione del team di ricerca vede il campo magnetico intorno alla stella (magnetosfera) intrappolare il materiale in uscita dalla superficie: lo shock con la magnetosfera riscalda il materiale in modo drammatico ionizzando gli atomi dei metalli. Una sorta di ciambella che circonda materiale caldissimo presente intorno alla stella . Gli assi del campo magnetico sono inclinati rispetto all'asse di rotazione il che vuol dire che la quantità di materiale riscaldato che vediamo varia durante la rotazione stellare, spiegando la variazione spettrale. 

Le diverse inclinazioni del campo magnetico e della rotazione della nana bianca. Crediti MNRAS
Le diverse inclinazioni del campo magnetico e della rotazione della nana bianca. Crediti MNRAS

Si tratta del primo report osservativo di una magnetosfera intorno a una nana bianca, ma il fatto di aver ignorato fino a oggi la presenza di una magnetosfera potrebbe implicare errori nella valutazione di altri parametri come temperatura e massa. Un quarto della nana bianca potrebbe attraversare una fase di intrappolamento e di super-riscaldamento.