Il quasar più luminoso a redshift 7
loading

La DESI Legacy Imaging Survey scova un quasar posto a redshift 7.021 che nella sua storia potrebbe aver sperimentato fenomeni oltre il limite di Eddington


Fonte Feige Wang et al. The Discovery of A Luminous Broad Absorption Line Quasar at A Redshift of 7.02. arXiv:1810.11925


I dati della survey relativi al quasar. Crediti Feige Wang et al.
I dati della survey relativi al quasar. Crediti Feige Wang et al.

Un nuovo quasar va a riempire i cataloghi degli oggetti più distanti: si trova a redshift 7.02 e il suo codice è DELS J003836.10-152723.6. Attualmente si tratta del quasar più luminoso mai scoperto a distanze pari o superiori a z = 7. 

Sebbene di quasar ne siano stati osservati molti, quelli ad alto redshift sono merce rara e difficile da scovare: soltanto due quasar ad oggi sono stati classificati con redshift superiore a 7 e questo limita non poco la nostra comprensione riguardo i buchi neri supermassicci risalenti all'epoca della reionizzazione .

La scoperta è stata resa possibile dai dati fotometrici della DESI Legacy Imaging Survey (DELS) e della Pan-STARRS1 (PS1) imaging survey, con l'aiuto dello Wide-field Infrared Survey Explorer (WISE) nel medio infrarosso .

La magnitudine assoluta è stimata in -27.1 con una luminosità bolometrica di circa 56 trilioni di luminosità solari. Il buco nero al centro dell'oggetto dovrebbe avere una massa di 1.33 miliardi di masse solari, con un accrescimento pari al limite di Eddington e con un tasso di Eddington di 1.25.

Oggetti simili richiedono buchi neri iniziali molto massicci oppure episodi di accrescimento oltre il limite di Eddington, oppure ancora una efficienza di radiazione molto bassa. 

Le osservazioni hanno evidenziato anche la presenza di outflows relativistici molto forti.