Venticinque anni di SN 1987A in un time-lapse
loading

Dal 1992 al 2017, una sequenza di immagini elaborata dalla University of Toronto mostra l'onda d'urto della supernova SN 1987A.


Fonte Y. Cendes et al. The Reacceleration of the Shock Wave in the Radio Remnant of SN 1987A, The Astrophysical Journal (2018)


Timelapse di 25 anni di evoluzione della SN 1987A. Credit: The Dunlap Institute for Astronomy & Astrophysics at the University of Toronto
Timelapse di 25 anni di evoluzione della SN 1987A.
Credit: The Dunlap Institute for Astronomy & Astrophysics at the University of Toronto

Dalla prima apparizione nel cielo australe del 24 febbraio 1987, la supernova SN 1987A è stata l'esplosione stellare maggiormente studiata nella storia dell'astronomia.

Distante 168 mila chilometri, posta all'interno della Grande Nube di Magellano, è stata la supernova più brillante apparsa nei cieli dal 1604, anno della supernova di Keplero. La prima, invece, osservabile tramite telescopio .

Fu scoperta da due astronomi: uno - Ian Shelton - operante all'osservatorio di Las Campanas nel nord del Cile,  l'altro - Oscar Duhalde - in forza alla University of Toronto. 

 

Proprio dalla stessa University of Toronto, Yvette Cendes ha creato un time-lapse che mostra l'evoluzione dell'esplosione in un periodo di 25 anni, dal 1992 al 2017, mostrando l'onda d'urto cozzare contro i detriti della stella espulsi prima della detonazione. 

Non un anello di materiale ma una sorta di ciambella, un toro, una espansione che avviene alla velocità di mille chilometri al secondo.