I campi magnetici nella formazione stellare
loading

Uno studio effettuato sulla Nebulosa Zampa di Gatto pone in evidenza il ruolo dei campi magnetici nella formazione stellare


Fonte Phys.org


Se all'atto della formazione stellare non tutto il gas, ma una piccola parte, collassa a formare stelle è perché non esiste solo la gravità in questi processi, ma anche i campi magnetici che hanno il ruolo di incanalare gas e materiale lungo le proprie linee sottraendo potere alla gravitazione stessa.  Per la prima volta il ruolo di questi campi magnetici è stato studiato in una singola regione di spazio, la nebulosa NGC 6334 (Zampa di Gatto), attraverso idonea strumentazione per verificare come sia su piccola, sia su grande scala, la direzione dei campi magnetici non venga alterata da nulla, polarizzando la luce sempre nello stesso verso. La prova è stata ottenuta studiando la polarizzazione dei grani di polvere presenti nella nebulosa.  Soltanto su scale molto ridotte esistono cambiamenti di direzione del campo magnetico, indotti però non dal collasso ma dall'azione di feedback giocata dalle stelle appena nate. La fonte è Harvard Smithsonian Center for Astrophysics {{ondeformazione}} {{pilastrimagnetici}} {{spt2319}} {{formstelint}}