La pulsar che inizia a parlare in banda radio
loading

A fronte di un debolissimo segnale captato nel 2012, la pulsar J1732-3131 è stata osservata di nuovo da radiotelescopi scoprendo un segnale coerente con la pulsazione


Fonte Phys.org


  Molte pulsar sono potenti sorgenti gamma, e molte risultano nulle in emissione radio forse perché il fascio radio non va a cadere direttamente nella nostra linea di vista.  Una pulsar, chiamata J1732-3131, finora considerata "radio-quiet" ha iniziato ora a evidenziare una emissione nello spettro radio catturata dal Netherlands Institute for Radio Astronomy (ASTRON).  Si trova a 2000 anni luce da noi e il suo periodo di rotazione è di 196 millisecondi, scoperta grazie allo strumento LAT a bordo del Fermi Gamma-ray Space Telescope della NASA. In banda radio, finora, soltanto un debole segnale a 34 MHz fu trovato nel 2012.  Tra Marzo 2014 e Aprile 2015 l'Ooty radio telescope (ORT) è stato indirizzato verso la pulsar, osservandola a 327 MHz come debole radio segnale. Sessanta ore di integrazione del segnale per giungere a una confidenzialità del 99.98%.  La scoperta potrebbe significare che molte gamma-ray pulsar sono anche sorgenti radio, ma che la strumentazione attualmente in uso non consente di comprenderne la totale natura. Strumenti come il futuro SKA potranno risolvere molte questioni aperte.    La fonte è arXiv   {{pulsarsincrono}}