Il target di New Horizons potrebbe essere binario
loading

Una occultazione stellare da parte di 2014 MU69 rivela una forma molto allungata per il KBO che verrà visitato dalla New Horizons, una forma compatibile anche con un sistema binario


Fonte Phys.org


Rappresentazione artistica di un possibile 2014 MU69 La sonda New Horizons, dopo aver riscritto la storia di Plutone e del suo sistema, si accinge a incontrare a Capodanno 2019 un nuovo corpo celeste, il Kuiper Belt Object chiamato 2014 MU69. Un flyby che avverrà a distanze siderali da Terra e che viene preceduto da una serie di occultazioni stellari da parte del KBO, occultazioni che consentono di volta in volta di conoscere qualcosa in più relativamente a questo distante mondo.  L'occultazione del 17 luglio scorso ha svelato una forma molto particolare, decisamente allungata: un corpo che misura 30 chilometri in lunghezza ma che potrebbe nascondere sorprese, visto che le misurazioni sono compatibili anche con un sistema binario con corpi grandi 15-20 chilometri.  Sarebbe una novità ma non una sorpresa visto che oramai ci siamo abituati all'idea che di sistemi binari ne esistano davvero tantissimi. Unico corpo allungato o sistema binario che sia, staremo a vedere. Oramai manca poco.  {{ultimathule}} {{nhsveglia}}