Impatti lunari e campioni delle missioni Apollo
loading

Molto probabilmente la stima del tasso di impatti nel tempo, valutata in aumento in base ai campioni lunari riportati dall'Apollo, è viziata dalla tipologia di raccolta del campione


Fonte No Change in the Recent Lunar Impact Flux Required Based on Modeling of Impact Glass Spherule Age Distributions - Geophysical Research Letters (Ya-Huei Huang et al.)


  La Terra tende a distruggere il proprio passato attraverso la tettonica e l'azione degli agenti atmosferici e per questo in genere si guarda alla Luna per risalire alla storia terrestre.  Durante le missioni Apollo furono raccolti campioni superficiali contenenti delle sferule create dall'impatto di meteore: questi impatti sulla Luna generano un calore molto intenso, tale da sciogliere il materiale e creare, appunto, queste sferule brillanti. Dal campione riportato fu dedotta una età relativamente giovane per questi impatti il che lasciò pensare a un aumento recente nel tasso di collisioni. Rivalutando il tutto con un senso critico più accentuato, nel 2018 il campione è stato ridimensionato: molto probabilmente scavando un po' più a fondo sarebbe possibile risalire a più sferule con età più omogenee, testimoniando una coerenza nel tempo del tasso di impatto. Gli impatti lunari, e quindi anche terrestri, sono molto importanti per la storia evolutiva del nostro pianeta e per questo una stima dell'andamento riveste un ruolo cruciale.