La natura doppia di EPIC 219654213
loading

Un effetto relativistico consente la scoperta di un sistema binario formato da una stella di sequenza principale e una nana laddove finora si pensava alla presenza di un esopianeta


Fonte A transiting M-dwarf showing beaming effect in the field of Ruprecht 147 - Monthly Notices of the Royal Astronomical Society (Ph Eigmüller et al.)


L'analisi dei dati del telescopio spaziale Kepler, ottenuti durante l'estensione della missione battezzata K2, ha evidenziato come la stella EPIC 219654213 non sia orbitata da un esopianeta ma sia parte di un sistema binario composto, quindi, da una stella principale di classe F7V, con età di 4.1 miliardi di anni e raggio di 1.52 raggi solari, e da una stella nana di classe M5V in orbita quasi circolare percorsa in 5.44 giorni a una distanza di 0.065 UA. Il transito della compagna mostra un effetto relativistico di beaming (Doppler boosting), un processo con il quale un effetto relativistico va a modificare la luminosità di corpi in movimento a velocità prossime a quella della luce. Il processo è causato dal moto di riflesso delle stelle dovuto a effetto Doppler. L'effetto è importante poiché consente una stima indipendente della velocità radiale delle componenti secondarie nei sistemi binari.