Il getto radio dell'evento multimessaggero
loading

VLA e Green Bank Telescope evidenziano la presenza di due getti relativistici in uscita dal bozzolo che racchiude il risultato della prima onda gravitazionale associata a un segnale elettromagnetico


Fonte Superluminal motion of a relativistic jet in the neutron-star merger GW170817 - Nature (K. P. Mooley et al.)


Le continue osservazioni di follow-up dell'evento hanno portato a tracciare variazioni avvenute nei getti prodotti dalla fusione delle stelle di neutroni. L'azione combinata del Karl Jansky Very Large Array (VLA) e del Green Bank Telescope ha evidenziato, a distanza di tempo, uno spostamento della emissione radio. La fusione dei due oggetti compatti, le cui masse sono stimate in 1.1 e 1.6 masse solari, ha determinato una spinta verso l'esterno di un guscio di detriti che si sono poi disposti a disco intorno al buco nero creato. Proprio il disco ha generato due getti di particelle che sono andati a interagire con i detriti creando una sorta di bozzolo prima di potersi liberare verso lo spazio interstellare. Il getto radio osservato potrebbe aumentare la validità dell'ipotizzato link tra fusione di stelle di neutroni e GRB, anche considerando che il GRB associato alle onde gravitazionali è stato tra i più deboli mai captati, puntando in un punto dello spazio non diretto verso la Terra ma inclinato di circa 20 gradi.