Resti di cometa intorno a una nana bianca?
loading

L'analisi di osservazioni congiunte sembra far propendere per il resto di una cometa in orbita intorno alla nana bianca WD 1145+017


Fonte Fast spectrophotometry of WD 1145+017 - Monthly Notices of the Royal Astronomical Society (Paula Izquierdo et al.)


  Agosto 2018 ha portato alla nuova caratterizzazione di alcuni resti planetari in transito davanti alla nana bianca WD 1145+017, distante 570 anni luce da noi, con dimensioni pari al 2% della dimensione solare e con una massa pari allo 0.63%. La sua temperatura è di 15.020 K mentre l'età di raffreddamento è di 224 milioni di anni. I primi transiti sono stati registrati nel 2015, con periodo di 4.5 ore, e successive osservazioni hanno riconosciuto i resti come appartenenti a un asteroide andato distrutto a causa della forza mareale della nana bianca. Le osservazioni non si sono fermate, in cerca di conferme, e l'analisi simultanea tramite spettrometria ottica e fotometria a larga banda hanno portato all'ipotesi che possa in realtà trattarsi di una cometa andata in frantumi, idea nata osservando un ritardo nell'uscita dell'oggetto dal transito rispetto al momento di ingresso, ritardo compatibile con la coda di una cometa. La curva di luce nel tratto più profondo ha evidenziato anche la presenza di più frammenti, simili a quelli osservati nel caso della frammentazione della Shoemaker-Levy 9 su Giove. I dati parlano di un transito più lungo fatto di 87 minuti e del 50% di calo luminoso che potrebbe comunque essere indotto da un detrito di 120° di azimut e una struttura non omogenea.