La banda X conferma l'oscuramento delle Hot-DOG
loading

Osservazioni ottenute da XMM-Newton e NuSTAR confermano la enorme quantità di polvere che circonda i quasar di tipo Hot-DOG


Fonte “The hyperluminous Compton-thick z∼2 quasar nucleus of the hot DOG W1835+4355 observed by NuSTAR“ - arXiv (L.Zappacosta et al.)


Alcune galassie risultano molto deboli pur avendo una luminosità migliaia di volte superiore a quella della Via Lattea. Il motivo risiede nella grande quantità di polver che le circonda e che affievolisce la luce in uscita. Si chiamano Hot Dust-Obscured Galaxies (Hot-DOGs) e la prima osservazione dettagliata in banda X è di metà 2018. Si tratta di AGN - quasar in particolare - molto attive, con buchi neri che raggiungono i miliardi di masse solari. A metà 2018 si conoscono un migliaio di oggetti, tutti risalenti a circa 10 miliardi di anni fa, un periodo molto favorevole ai quasar. In attesa di Athena, telescopio in banda X che verrà lanciato nel 2028, i dati ottenuti sono quelli di XMM-Newton e Nustar e confermano il grande oscuramento subito da queste sorgenti.