CoRoT-20, una possibile nana bruna
loading

La scoperta di un oggetto sub-stellare nel sistema CoRoT-20 potrebbe raccontare molto sulla migrazione degli oggetti di tipo hot-Jupiter. Almeno 17 masse gioviane per la nuova nana.


Fonte A 4.6-year period brown-dwarf companion interacting with the hot-Jupiter CoRoT-20 b - arXiv (J. Rey et al.)


Il sistema CoRot-20 si arricchisce di un nuovo oggetto sub-stellare, in base alle osservazioni ottenute da HARPS e dallo spettrografo SOPHIE. La stella si trova a 4000 anni luce di distanza dalla Terra ed è simile al Sole per dimensione, massa e spettro. Il pianeta "b", già noto dal 2011, è grande più o meno quanto Giove ma possiede una massa quattro volte maggiore, in orbita di 9.24 giorni a 0.09 UA di distanza. Il nuovo oggetto è classificato, invece, come possibile nana bruna: la massa è stimata in almeno 17 masse gioviane e la separazione dalla stella è di 2.9 UA, con periodo orbitale di 4.59 anni in eccentricità di 0.6. La presenza di questo oggetto andrebbe a spiegare anche la particolare eccentricità dell'orbita del pianeta "b", una eccentricità che in genere non si accompagna a pianeti in orbita così stretta.