OJ 287, la stele di Rosetta dei blazar
loading

Per la prima volta si è riusciti a scendere in dettaglio di un getto di plasma da un blazar fino alla zona centrale dalla quale origina, rivelando un moto di precessione che apre la strada a diverse i


Fonte OJ287: Deciphering the "Rosetta stone of blazars - Monthly Notices of the Royal Astronomical Society (S Britzen et al.)


  Rappresentazione di OJ 287   OJ 287 è una galassia molto discussa in astronomia: la radiazione emessa è molto ampia, dal radio ai TeV, e la periodicità in banda ottica la rende una probabile galassia contenente una coppia di buchi neri supermassicci centrali. La sua comprensione è da sempre ritenuta una sorta di "stele di Rosetta" per decifrare i comportamenti e le proprietà fondamentali di un buco nero attivo in generale e a giugno 2018 è stato scoperto che l'AGN di OJ 287 genera una precessione nel getto sulla scala di 22 anni, il che potrebbe spiegare la variabilità della radiazione e fornire la chiave di lettura dei blazar. La galassia si trova a 3.5 miliardi di anni luce e il buco nero centrale ha massa di milioni, o miliardi, di masse solari. Si tratta di un nucleo attivo che produce un getto di plasma osservabile in banda radio e una fluttuazione nel campo ottico che dal XIX secolo dà vita a una delle più lunghe curve di luce mai osservate. La fluttuazione è stata inizialmente imputata a meccanismi di alimentazione del buco nero centrale oppure allo shock provocato dai getti. Tramite interferometria si è giunti a osservare il getto fin dalle zone più prossime al buco nero centrale trovando fortissime indicazioni che i due fenomeni sono tra loro collegati. Il getto stesso sperimenta una precessione e questa induce, unitamente a un processo che sembra di nutazione, alle variazioni osservate.  Chiarito il mistero, resta da comprendere il processo in grado di determinare la precessione e questo apre la strada a due scenari possibili: una coppia di buchi neri che forzano il disco di accrescimento con effetti mareali oppure un singolo buco nero in interazione con un disco non allineato.