Bursting Pulsar, un oggetto a oggi unico
loading

La Bursting Pulsar potrebbe essere la stella di neutroni transizionale più lenta a oggi nota e possiede un campo magnetico insolitamente forte per oggetti di questo tipo.


Fonte The Bursting Pulsar GRO J1744−28: the slowest transitional pulsar? - Monthly Notices of the Royal Astronomical Society: Letters (J M C Court et al.)


Rappresentazione di stella di neutroni in accrescimento. Credito University of Southampton La cosidetta "Bursting Pulsar", una stella di neutroni che ruba materia a una compagna di piccola massa, potrebbe anche essere la pulsar in transizione (pulsar che alternano emissioni radio a emissioni X su scale di diversi anni) più lenta. GRO J1744-28, questo il nome ufficiale della Bursting Pulsar, ha inoltre la tendenza a strappare materia alla compagna in modo sincopato. I dati sono quelli dell'osservatorio orbitante RXTE della NASA e mostrano un ciclo transizionale 100 volte più lento di quello degli altri sistemi di questo tipo a oggi noti. Nei sistemi tradizionali con transizione, la stella di neutroni sottrae materia a una stella simile al Sole e questo fiume stellare ruota come un motore intorno alla pulsar aumentandone infine la massa. Il tutto riscalda il gas fino a milioni di gradi causando emissioni X visibili da Terra. Questo non dura per sempre e così il flusso si arresta in maniera disordinata, con accensioni e spegnimenti, causando esplosioni in banda X e una lotta tra pressione del gas e campo magnetico che dà vita a impulsi, singhiozzi discreti. Questo singhiozzo è ciò che caratterizza la Bursting Pulsar, che però è insolita sotto diversi aspetti visto che ruota su sé stessa due volte al secondo e quindi 100 volte più lentamente rispetto ad altre pulsar transizionali. Il campo magnetico è potentissimo, più di 100 miliardi di volte quello terrestre e 100 volte più potente di quello di altre pulsar dello stesso tipo.