Come gli asteroidi rilasciano acqua sulla Terra
loading

Un test di laboratorio, consistente nella riproduzione degli impatti tra condriti carbonacee e pietra pomice, mostra come il 30% dell'acqua posseduta dall'asteroide impattante venga mantenuta dal corp


Fonte The delivery of water by impacts from planetary accretion to present - Science Advances (R. Terik Daly e Peter H. Schultz)


Campioni di vetro ricreati in laboratorio A spezzare una lancia a favore dell'apporto di acqua sulla Terra da parte di asteroidi c'è un test di laboratorio portato avanti a inizio 2018 alla Johns Hopkins University. Gli asteroidi sono tra i principali indiziati per l'apporto di acqua sulla Terra visto che i rapporti isotopici sono simili a quelli oceanici, ma le simulazioni prevedono una forte evaporazione dovuta al calore dell'impatto. Bombardando pietra pomice con delle biglie che riproducono la composizione delle condriti carbonacee, invece, è stato possibile mostrare (per velocità di impatto di 5 km/s e inclinazioni compatibili) come il 30% dell'acqua possa rimanere nel corpo impattato. Il vapore acqueo generato viene inglobato nelle rocce fuse al momento della formazione. Questo spiegherebbe anche la presenza di acqua nelle rocce lunari.