Uova marce su Nettuno
loading

Attraverso l'analisi spettroscopica è stata provata l'esistenza di idrogeno solforato nell'alta atmosfera di Urano: una indicazione che puzza ma che può dire molto riguardo la zona di formazione di qu


Fonte Detection of hydrogen sulfide above the clouds in Uranus's atmosphere - Nature Astronomy (Patrick G. J. Irwin et al)


L'idrogeno solforato che a lungo è stato ipotizzato negli strati più alti dell'atmosfera di Urano è stato confermato nella prima parte del 2018 da uno studio portato avanti tramite il Gemini North Telescope. La luce proveniente dal distante mondo è stata scomposta e analizzata grazie alla sensibilità dello strumento NIFS, installato sul Gemini e inizialmente dedicato esclusivamente a scandagliare gli ambienti intorno ai buchi neri supermassicci posti al centro delle galassie. La stessa cosa può essere presente, probabilmente, anche su Nettuno e la scoperta contrasta con la composizione dei pianeti gassosi più interni come Giove e Saturno, che invece non presentano questo elemento chimico ma presentano una elevata abbondanza di ammoniaca, assente invece sui pianeti più esterni e ghiacciati. Probabilmente le differenze sono dovute alle condizioni diverse dei luoghi di formazione dei quattro pianeti e il ritrovamento di questo elemento, che dona alle uova marce il classico odore, può dire molto riguardo il luogo di formazione dei due pianeti più esterni e la loro probabile migrazione successiva.