Tra sistemi binari e pianeti dalla vita difficile
loading

Simulazioni mostrano come le forze mareali presenti nei sistemi binari stretti siano una causa di allontanamento dei pianeti più vicini. Le osservazioni sembrano avallare il tutto mostrando una penuri


Fonte On The Lack of Circumbinary Planets Orbiting Isolated Binary Stars - arXiv (David Fleming)


Concezione artistica di sistema binario con pianeta orbitante Un pianeta potrebbe aver vita molto breve intorno ai sistemi binari molto stretti, il che andrebbe a spiegare come mai pochissimi sistemi binari osservati siano in possesso di pianeti con periodi orbitali pari o inferiori ai 10 giorni. La deduzione arriva dallo studio di sistemi binari ad eclisse operata da un team guidato da David Fleming. Se le compagne del sistema hanno periodi orbitali inferiori ai 10 giorni le forze mareali in gioco hanno conseguenze dinamiche sul sistema: le forze mareali trasportano momento angolare dalla rotazione stellare alle orbite, il che riduce le rotazioni ed espande le orbite stesse. Le orbite si espandono e si circolarizzano fino a divenire cerchi perfetti e su larga scala le rotazioni delle stelle si sincronizzano. L'espansione delle orbite altera la situazione dei pianeti più esterni, che possono essere espulsi dal sistema stesso.  A rendere le cose più complesse è la regione di instabilità legata alle forze gravitazionali concorrenti espresse dalle due stelle: si tratta di una zona che non può essere attraversata poiché tende a espellere qualsiasi cosa tenti il viaggio. I dati ottenuti dalle simulazioni sono stati confrontati con le osservazioni notando che effettivamente l'87% dei sistemi binari stretti non presenta pianeti interni (processo Stellar Tidal Evolution Ejection of Planets - STEEP). Il pianeta che più azzarda si trova intorno al sistema Kepler-47, con un periodo di 7.45 giorni.