Materia oscura e galassie nane: nuova metodologia
loading

Un nuovo metodo per stimare la materia oscura all'interno delle galassie nane è stato sviluppato a inizio 2018 presso la University of Surrey. La quantità presente in Eridanus II sembra di gran lunga


Fonte Probing dark matter with star clusters: a dark matter core in the ultra-faint dwarf Eridanus II - Monthly Notices of the Royal Astronomical Society (Filippo Contenta et al)


Materia oscura e galassie nane: la quantità stimata in Eridanus II è molto inferiore alle attese Un nuovo metodo per stimare la materia oscura all'interno delle galassie nane è stato sviluppato a inizio 2018 presso la University of Surrey. Le galassie nane, e le più piccole tra di esse, contengono poche stelle e quindi poco materiale barionico e spesso orbitano intorno alle galassie maggiori come la nostra. Sono formate in netta prevalenza da materia oscura. Se la distribuzione della materia oscura fosse mappata, potrebbe fornire importanti informazioni riguardo la sua natura ma il moto delle poche stelle non aiuta. Il nuovo metodo esamina gli ammassi stellari e la loro espansione dimensionale, legata ai campi gravitazionali delle stelle ma anche alla distribuzione della materia oscura nella galassia che li ospita. Le simulazioni mostrano come la struttura degli ammassi stellari sia sensibile alla modalità di addensamento della materia oscura. Nella galassia nana ultra-debole Eridanus II il modello è stato applicato riscontrando una quantità di materia oscura decisamente bassa, inferiore a quanto modelli precedenti hanno raccontato.