NGC1052-DF2, una galassia appena accennata
loading

Osservazioni del Gemini North, del Keck e di Hubble Space Telescope evidenziano la presenza di una galassia composta essenzialmente da materia stellare: a indicarlo è il moto degli ammassi globulari o


Fonte A galaxy lacking dark matter - Nature (Pieter van Dokkum, Shany Danieli, Yotam Cohen)


La galassia ultradiffusa NGC 1052-DF2. Credit NASA La ricerca della materia oscura va avanti ma i risultati stentano da anni, eppure la galassia NGC1052-DF2 sale alla ribalta a inizio 2018 per l'assenza di materia oscura, qualcosa che non si lega al modello cosmologico generalmente accettato e che vede galassie e materia oscura andare avanti di pari passo, nascendo da un ammasso di materia oscura che con il tempo acquisisce gas e polvere. I dati sulla galassia ribelle vengono dal Gemini North e dal Keck Observatories, alle Hawaii, nonché da Hubble Space Telescope in maniera principale. Si tratta di una galassia ultra-diffusa totalmente priva (o quasi) di materia oscura, una categoria di galassie già esistente ma l'ultima trovata assume carattere peculiare anche all'interno di questa già strana categoria. La possibilità che la materia sia stata catturata da altre galassie è tramontata quando le osservazioni hanno evidenziato la mancanza di qualsiasi forma di interazione con altri oggetti cosmici, sebbene si trovi a 65 milioni di anni luce in un gruppo di galassie dominato dalla gigante ellittica NGC 1052. Al suo interno sono stati osservati dieci ammassi globulari e tutti si muovono a velocità inferiori a quanto atteso, il che è indice di una massa relativamente piccola. Sembra quindi che il moto dei globulari sia ben spiegato semplicemente dalla massa delle stelle visibili, senza bisogno di materia oscura.  Se tutto questo è vero (quindi se la materia oscura esiste realmente), i risultati mostrano come la materia oscura sia una componente in grado di separarsi dalle galassie, magari in seguito a eventi catastrofici come una improvvisa accensione di nuove stelle con conseguenti onde d'urto legate ai venti.